CINEMA: I vincitori del Calvert Festival, dal Baltico all’Asia centrale

di Davide Abbatescianni

Si è conclusa il 31 ottobre la seconda edizione del Calvert Journal Film Festival. L’evento virtuale, organizzato dall’omonima rivista online londinese, si è tenuto dal 18 al 31 ottobre. Il festival ha presentato 35 titoli dal cosiddetto “Nuovo Est”, suddivisi in sei categorie. La giuria ha premiato il miglior film per ogni categoria ed è stato assegnato, inoltre, un premio del pubblico.

Leggi anche le interviste di East Journal a cinque registi in concorso:

La giuria

I giurati di quest’anno sono stati il cineasta kazako Adilkhan Yerzhanov (regista di Yellow Cat, presentato l’anno scorso nella sezione Orizzonti del festival di Venezia), l’attrice bosniaca Selma Alispahić (Secrets from the Past, Selam), l’attivista e regista lituano Romas Zabarauskas (The Lawyer), la regista kosovara Norika Sefa (il suo Looking for Venera ha vinto il premio speciale della giuria a Rotterdam), la produttrice ucraina Natalia Libet (il suo Stop-Zemlia ha vinto l’Orso di Cristallo a Berlino), l’antropologo e documentarista ceco Pavel Borecký (il suo primo lungometraggio, Living Water, ha debuttato quest’anno a Visions du Réel), la critica cinematografica e programmatrice neozelandese Carmen Gray, la programmatrice e giornalista lettone Zane Balčus e la critica cinematografica e giornalista scozzese Amber Wilkinson.

I premi

Il premio per il miglior lungometraggio di finzione è andato alla regista lettone Laila Pakalniņa per il suo Dawn. La giuria ha particolarmente apprezzato questo film “molto complesso, durante il quale uno spettatore può vivere un’ampia gamma di emozioni” e lo ha descritto come “un mix di cultura e storia, nonché un commento sociale e politico”. L’opera segue le vicende di un giovane residente di una comune ai tempi della Lettonia sovietica, il quale decide di ribellarsi al padre violento e finisce per provocare una spirale di eventi imprevedibili.

Il premio per il miglior lungometraggio documentario, invece, è andato a Warsaw: A City Divided di Eric Bednarski. La giuria ha lodato il modo in cui il film “contestualizza del raro materiale d’archivio del ghetto di Varsavia con le testimonianze dei sopravvissuti”, gettando luce su alcuni aspetti della storia polacca e dell’Olocausto.

Infine, il premio per il miglior film d’animazione è stato assegnato a My Favorite War, diretto da  Ilze Burkovska-Jacobsen. La giuria ha deciso di premiare lo sforzo della regista nel riportare in vita un passato doloroso e la sua capacità di rendere la propaganda un argomento di discussione accessibile al pubblico di ogni età.

Qui di seguito riportiamo tutti i vincitori dell’edizione di quest’anno:

Miglior lungometraggio di finzioneDawn – Laila Pakalniņa (Lettonia/Estonia/Polonia)

Miglior lungometraggio documentarioWarsaw: A City Divided – Eric Bednarski (Polonia)

Miglior film d’animazioneMy Favorite War – Ilze Burkovska-Jacobsen (Lettonia/Norvegia)

Miglior cortometraggioHistory of Civilization – Zhannat Alshanova (Kazakistan)

Miglior film sperimentaleMicrocassette – The Smallest Cassette I’ve Ever Seen – Igor Bezinovic e Ivana Pipal (Croazia)

Miglior film diretto da uno studente di una scuola di cinemaThe Vibrant Village – Weronika Jurkiewicz (Ungheria)

Premio del pubblicoRhythms of Lost Time – Anisa Sabiri (Tagikistan)

 

Immagine: “Dawn” di Laila Pakalniņa

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

“Nova Lituania”, la fantasia di un posto che non esiste: intervista a Karolis Kaupinis

East Journal intervista cinque registi di cinque film che partecipano al Calvert Journal Film Festival. Karolis Kaupinis parla di "Nova Lituania", film candidato per la Lituania agli Oscar del 2019, e della minaccia esistenziale della scomparsa come elemento dell'identità lituana.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com