CHERNOBYL: Una passeggiata dentro e fuori la Zona, a 35 anni dalla catastrofe nucleare

A 35 anni dalla catastrofe nucleare di Chernobyl, la redazione di East Journal e i colleghi dell’Associazione Italiana di Studi Ucraini (AISU) giovedì 29 aprile, in diretta dalle 18.30, intraprendono una passeggiata virtuale dentro e fuori la Zona, ripercorrendo le vicende del 26 aprile 1986 dal punto di vista storico, sociale, culturale e artistico.

Intervengono:

Alessandro Achilli – Ricercatore, si occupa di poesia ucraina. Recentemente, ha tradotto dall’ucraino in italiano il volume Una passeggiata nella zona di Markijan Kamyš (Keller, 2019).

Simone Bellezza – Ricercatore presso l’Università di Napoli “Federico II”, si è occupato di storia ucraina della seconda metà del Novecento; è autore de Il Tridente e la svastica (2010) sull’occupazione nazista in Ucraina orientale e Ucraina. Insorgere per la Democrazia (2014) sulle origini e le conseguenze delle proteste di Euromaidan.

Yaryna Grusha Possamai – traduttrice e pubblicista, insegna lingua e letteratura ucraina presso l’Università Statale di Milano.

Claudia Bettiol – Slavista e traduttrice di formazione, scrive di Ucraina per East Journal (di cui è anche co-direttrice editoriale) e Osservatorio Balcani e Caucaso.

Modera: Martina Napolitano, co-direttrice editoriale di East Journal.

Alcune letture consigliate in lingua italiana:

Preghiera per Černobyl’ di Svetlana Aleksievič (edizioni E/O, 1997)

L’ultimo amore di Baba Dunja di Alina Bronsky (Keller, 2020)

Mezzanotte a Cernobyl’ di Adam Higginbotham (Mondadori, 2019)

Chernobyl. Storia di una catastrofe nucleare di Sergej Plokhy (BUR, 2019)

Chernobyl 01:23:40. La storia vera del disastro nucleare che ha sconvolto il mondo di Andrew Leatherbarrow (Salani, 2019)

Una passeggiata nella zona di Markijan Kamyš (Keller, 2019)

La felicità non va interrotta di Anna Bardazzi (Salani, 2021)

Per approfondire, leggi anche:

Černobyl’ ventisette anni dopo, intervista a Igor Kostin (2011)

Il testamento del liquidatore di Černobyl’ (2011)

Un nuovo sarcofago per Chernobyl, mentre si teme per i danni sulla popolazione (2013)

Trent’anni dopo, le voci dei liquidatori lettoni di Chernobyl (2016)

A Chernobyl arriva la nuova protezione per il reattore nucleare (2016)

Cosa resta di Chernobyl, tra lavoro e turismo estremo (2017)

Il picchio russo metallico di Chernobyl-2 (2017)

La rinascita di Chernobyl a energia solare (2018)

Meglio le radiazioni delle bombe (2019)

Le forzature storiche della serie TV Chernobyl (2020)

Chernobyl brucia. Incendi e radiazioni in quarantena (2020)

Quando il mare di Kiev salvò il mar Nero dalle radiazioni di Chernobyl (2021)

Immagine: Claudia Bettiol/East Journal

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

casse di zinco afghanistan

CULTURA: Quelle (maledette) casse di zinco della guerra sovietico-afghana

Ragazzi di zinco e Cargo 200 sono due opere culturali di grande impatto, dedicate alle vittime della guerra sovietica in Afghanistan del 1979-1989, che ci aiutano a capire chi sono gli afgancy e cosa è avvenuto in quelle zone nel corso dell’ultimo decennio di vita dell’Unione Sovietica.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com