Pubblichiamo rettifica in merito all'articolo "L'expo della discordia, sequestrato il padiglione magiaro", come richiesto dagli avvocati del Commissario magiaro per Expo, Szocs Geza.

RETTIFICA: “L’expo della discordia, sequestrato il padiglione magiaro”. Parola agli avvocati del Commissario magiaro per Expo

Si pubblica rettifica in merito all’articolo “L’Expo della discordia, sequestrato il padiglione magiaro“, pubblicato il 15 gennaio scorso, come debitamente richiesto dagli avvocati del sig.Szocs Geza, Commissario della Repubblica di Ungheria per Expo 2015. In particolare si contesta come l’articolo contenga “mere illazioni circa lo spreco di denaro anche per opere, inerenti detto evento, asseritamente non eseguite da parte della Repubblica di Ungheria. L’articolo fa riferimento a mere voci, prive di fondamento alcuno, che poi si sono rivelate del tutto infondate”.

Il Commissario Szocs Geza rimarca inoltre “come la Repubblica di Ungheria non abbia speso e non intenda spendere alcuna somma di denaro proveniente dai propri contribuenti senza che sia ampiamente giustificata, come del resto ha dimostrato la vicenda Redaelli . dove non vi è stata insolvenza ma una semplice scelta a tutela dei propri cittadini e contribuenti”.

In particolare si rileva come il Padiglione sia stato sottoposto a sequestro preventivo “ inaudita altera parte”  immediatamente revocato non appena lo Stato Magiaro ha esposto le proprie ragioni .

“A tal proposito smentiamo categoricamente qualsiasi problema tra le diplomazie dei paesi coinvolti – dichiarano gli avvocati del sig, Szocs Geza – Lo stesso articolo fa riferimento alla società Euroatlantics solutions, eviteremo di dilungarci sulle illazioni ma semplicemente ribadiamo che detta società ha svolto gli incarichi dopo essersi aggiudicata una gara di appalto”.

A detta rettifica seguirà, nello spazio di tempo di pochi giorni, la rimozione dell’articolo stesso.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

Discorso di Orban

Ungheria: Il discorso di Orban e l’irriducibile populismo europeo

Il tradizionale discorso di Viktor Orban alla nazione è stato un’occasione per rilanciare i progetti politici della "destra europea".

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com