Fico, torna la Cecoslovacchia

Il premier slovacco Robert Fico e il ministro dell’Interno ceco, Milan Chovanec, hanno espresso la stessa visione sulla necessità di proteggere i propri paesi dai flussi migratori che stanno interessando i Balcani. Durante una conferenza stampa congiunta, lo scorso 2 novembre, i due politici si sono detti concordi nel ritenere che il meccanismo di ricollocazione obbligatoria dei profughi voluto dall’Unione Europea non sia in grado di risolvere il problema.

Il “meccanismo” di cui parlano è quello del sistema di quote obbligatorio di ripartizione dei migranti, che prevede la redistribuzione, seppur in numero molto basso, dei migranti giunti nei paesi UE. Un sistema sicuramente non risolutivo del problema ma che avrebbe sancito il diritto di Bruxelles ad intervenire nella questione obbligando i governi nazionali a condividere le responsabilità. Non solo, esso avrebbe rappresentato un precedente poiché avrebbe sancito  definitivamente l’immigrazione come questione europea e non più nazionale. Per evitare un simile precedente alcuni paesi si sono opposti alle quote, o hanno fatto ostruzionismo in nome del diritto di “proteggersi” dai migranti. E il modo migliore per proteggersi è chiudere i confini, magari con un bel muro, lasciando libera circolazione tra le due repubbliche. Ed ecco che così, d’incanto, tornerebbe ad esistere una Cecoslovacchia, unita nel nome del populismo e della discriminazione.

Che ci fosse sintonia tra Praga e Bratislava in merito alla questione migranti, era noto da tempo. Nelle scorse settimane il governo slovacco si disse disponibile ad accogliere solo migranti cristiani, in numero di duecento. Una provocazione che il premier Fico ha lanciato nel suo abituale stile populista, cercando di imitare l’omologo ungherese Orban. D’altronde in Slovacchia – come in Ungheria – è in corso da tempo una revisione in senso nazionalista dell’identità e della storia nazionale, culminata nella riabilitazione di figure come quelle di Josep Tiso. E il paese non è nemmeno nuovo ai muri, che molti ne ha costruiti per segregare i rom nei loro quartieri.

Il “modello” ungherese piace anche a Praga che, in passato, si era detta pronta a costruire un muro anti-migranti e che, per i suoi atteggiamenti discriminatori, è già stata accusata dall’ONU di violazioni dei diritti umani. “I profughi – ha affermato l’Alto commissario delle Nazioni Unite – vengono detenuti nei centri di accoglienza fino a 90 giorni e denudati e perquisiti in cerca di denaro, spesso confiscato per pagare la loro permanenza. Tali violazioni sembrano essere parte integrale di una politica, portata avanti dal governo ceco e finalizzata a scoraggiare migranti e rifugiati ad entrare nel paese o a rimanervi”.

I metodi del governo ceco hanno poi trovato una sublimazione nella scelta di scrivere un numero identificativo sulle braccia dei migranti in arrivo alla stazione di Břeclav. E se tirare in ballo Auschwitz può essere eccessivo, scrivere un numero sulle braccia richiama un preciso immaginario che forse, in Repubblica Ceca, hanno dimenticato. Così le due repubbliche tornano a trovare una frontiera comune nella “difesa” dall’immigrazione e nelle retoriche populiste, e questo no, non si può dire sia fico.

12208387_10156427591630019_3936834980750735989_n

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

L’influenza spagnola in Europa orientale: racconti da Bulgaria, Romania e Polonia

Nelle ultime settimane la recente pandemia ha ricordato la drammatica influenza spagnola del 1918-20. Quali furono i suoi effetti ad est?

4 commenti

  1. Perché, caro Zola, si omette di parlare della cattolicissima Austria che si sta comportando come l’Ungheria, la Slovacchia, la Rep.Ceca nell’innalzare muri. In questo caso al confine con la Slovenia. Si ha paura degli scheletri nei propri armadi della civiltà e dei valori occidentali? E’ molto strano che da un po’ d tempo la questione migranti non si trovi nemmeno a pagina quindici dei giornali. E si che il flusso giornaliero non è certo cessato. Forse ci si è accorti che con le belle parole dell’accoglienza, si possono perdere voti?

    • Caro Bertoldi

      perché l’Austria non sta in Europa orientale che, come saprà, è la nostra area di interesse. Altrimenti avremmo dovuto scrivere di Ceuta e Melilla, di Lampedusa, e di molte altre cose che, evidentemente, non sono attinenti all’area geografica che abbiamo scelto di raccontare.

      M.Z.

  2. I cattivi sono sempre all’Est, ma i migranti non li vuole nessuno, soprattutto con questo tipo di “assalto” quotidiano che si verifica, a cui l’Europa intera non sa far fronte nè regolamentare. Ed è vero che i giornali italiani da molto tempo praticamente ignorino la situazione, se non con veloci articoli.
    Ciò che invece va rilevato è come ad esempio i media slovacchi trattino quotidianamente l’argomento, a fronte di numeri irrisori di rifugiati nel territorio nazionale, e considerando che non solo il Paese è fuori dai flussi migratori, ma nemmeno è destinazione gradita ai profughi stessi. Sarebbe anche interessante leggere articoli che spieghino a noi cittadini che fine hanno fatto i marciatori a piedi scalzi, coloro che attendevano i rifugiati nelle stazioni con strudel e torte e applausi, o quelli che da Vienna partivano con la loro auto per caricarne un po’ da portare in Austria. Tutti spariti. L’esame di coscienza va fatto integralmente, la solidarietà vera è miseramente finita visti i numeri degli arrivi, rimane l’ideologia, quella è sempre attiva, anche se inutile.

    • caro Paolo

      non so quanto i giornali italiani ignorino la questione, non li leggo, tuttavia mi pare si parli molto in Italia della faccenda. Magari in modo sbagliato, questo non saprei dire. L’assalto, in ogni caso, consta di poche migliaia di persone ai confini di Slovacchia e Rep. Ceca, e lo si potrebbe gestire con i normali strumenti politici a disposizione. La verità è che non lo si vuole gestire, così da creare un caos fertile alle retoriche populiste. Sui “piedi scalzi”, è vero sono spesso iniziative velleitarie, ma c’è chi si spende quotidianamente (anche in Italia) e ospita nelle proprie case i migranti (il progetto Rifugio Diffuso è un esempio…). La solidarietà vera c’è ancora, a volte marcia a piedi scalzi e a volte no, ma è comunque meglio sparire dopo un gesto magari velleitario, ma umano, che non essere mai comparsi… Cordialmente

      Matteo

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: