TURCHIA: Si dimette il primo ministro Davutoğlu, “non per volontà ma per necessità”

Il primo ministro turco, Ahmet Davutoğlu, ha annunciato le sue dimissioni. In carica dal 30 agosto 2014, Davutoğlu assunse l’incarico di capo del governo dopo l’elezione a presidente della repubblica di Recep Tayyip Erdoğan, già leader dell’AKP. Il partito lo scelse allora come segretario e candidato premier, essendo i due ruoli tradizionalmente legati.

In questi due anni Davutoğlu si è trovato più volte in contrasto con Erdogan, del quale rappresentava un’alternativa moderata. Più volte il primo ministro ha cercato di limitare le ambizioni accentratrici del presidente e, tra coloro che auspicavano una caduta di Erdogan, erano in molti a vedere in Davutoğlu un successore ideale, capace di restituire alla Turchia quella credibilità che Erdogan le sta togliendo. Non a caso è stato proprio Davutoğlu a negoziare con l’Unione Europea l’accordo sui migranti. E lo stesso primo ministro è anche stato in prima linea contro la volontà di Erdogan di modificare la costituzione in modo da fornire al presidente maggiori poteri. Infine, provenendo dall’ambiente accademico, Davutoğlu non ha gradito l’arresto dei docenti universitari responsabili di avere firmato di un appello per la fine delle violenze nel Kurdistan turco.

Lo scontro tra due, politico e personale, si è concluso con l’annuncio di ieri, mercoledì 4 maggio.  Dopo due ore di conversazione con il presidente, Davutoğlu ha annunciato le proprie dimissioni “non per volontà ma per necessità”. Il suo allontanamento segna un’involuzione nel percorso di democratizzazione della Turchia. Un percorso che proprio con l’avvento di Erdogan, nel 2003, sembrava destinato a compiersi ma che presto è tornato sul più facile binario dell’autoritarismo.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

partita per i corridoi strategici

TURCHIA: Il ruolo di Ankara nella partita per i corridoi strategici

La partita per i "corridoi" strategici tra l'Asia e l'Europa è iniziata nel 2013 con la "Nuova Via della Seta" (BRI) proposta dalla Cina per facilitare gli scambi tra i due continenti. Nel 2023, a margine dei lavori del G20 di New Delhi, i leader di India, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Unione Europea - sostenuti dagli Stati Uniti - hanno lanciato una nuova infrastruttura economica per connettere India–Medio Oriente–Europa (IMEC) e provare a contenere la crescente influenza del Dragone.  Ma a scombinare le carte ci ha pensato la Turchia che si è opposta strenuamente al progetto. Lo stato anatolico sta infatti pianificando da tempo un proprio schema di connettività strategico passante per l’Iraq e noto come “Development Road Project”. Rispetto all'IMEC, il collegamento pensato da Ankara ha il vantaggio di essere già in una fase avanzata di definizione mentre il  primo è ancora un concetto teorico. 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com