TURCHIA: Perché Ankara critica l'intevento in Libia

di Matteo Zola

Prendere tempo, camminando sul filo teso dell’equilibrismo internazionale, e farlo con singolare abilità. La politica estera turca da tempo si muove, con cautela e astuzia, tra oriente e occidente, tra Nato e Iran, tra islamismo e laicità, tra Balcani e mondo arabo. La guerra in Libia ne è un valido esempio. La Libia è stata provincia ottomana fino al 1911 quando l’Italia giolittiana fece guerra alla Sublime Porta accaparrandosi Cirenaica e Tripolitania per farne colonie (tra l’altro, ricorre quest’anno il centenario di quella guerra). Gli investimenti di Ankara in Libia, e i rapporti economici con il regime di Gheddafi, sono cospicui e si sono intensificati con il progressivo allontanamento della Turchia dall’Unione – allontanamento che certo non non si può attribuire a volontà turca.

Negli ultimi quattro anni Ankara si è assicurata contratti per 15 miliardi di dollari soprattutto nel settore costruzioni. Nel 2010 l’interscambio fra le due nazioni è stato di 2,2 miliardi di dollari, il 60% in più rispetto all’anno precedente, e arriverà a 10 mld di dollarinei prossimi cinque anni. Sempre se Gheddafi resterà al suo posto. Al momento ci sono oltre 200 aziende turche operanti sul territorio. Le relazioni sono esplose nel 2009, guarda caso dopo che c’era stata l’operazione israeliana “Piombo Fuso” sulla Striscia di Gaza alla quale Erdogan si era opposto con forza, arrivando ad attaccare in mondovisione il presidente israeliano Simon Peres durante il World Economic Forum a Davos.

Venne poi l’episodio della Freedom Flottilla, le navi di pacifisti dirette a Gaza e assaltate dalle forze speciali israeliane che temevano fossero cariche di armi per i palestinesi. Quelle imbarcazioni battevano bandiera turca. Nei mesi scorsi la Turchia ha iscritto Israele tra i nemici dello Stato e si è ancor più avvicinata alla Libia. Oltre alle evidenti ragioni economiche ci sono quelle diplomatiche. Ankara vuole diventare il Paese islamico di riferimento per tutto il mondo musulmano: l’avvicinamento all’Iran e alle dittature dell’Asia centrale (Kazakistan, Turkmenistan, Uzbekistan, tutti Paesi musulmani e di lingua turcica), la difesa dei diritti dei palestinesi, l’avvicinamento al nuovo Egitto dei gelsomini, vanno letti in questo senso.

Quindi anche lo smarcamento dall’operazione Onu è un tentativo per incarnare una “terza via“. Non sarà difficile accusare i Paesi occidentali delle morti civili in Libia, ingraziandosi i favori del popolo liberato dalle bombe e, per le bombe, adirato. Così la Turchia tenterà di diventare per la Libia un modello di Islam moderato, capace di unire democrazia e tradizione, come sta cercando di fare con l’Egitto del dopo Mubarak. Se invece Gheddafi dovesse rimanere al suo posto, sarà facile mantenere gli accordi economici. E se, per caso, l’operazione “Odissea all’alba“passasse sotto comando Nato, sarà possibile ritagliarsi un ruolo di mediazione che sarà assai rilevante per un “occidente” impegnato a non far sembrare una “crociata cristiana” l’ennesima guerra per il petrolio.

Insomma, con i negoziati per l’ingresso nell’Unione che vanno di male in peggio, e con Washington insospettita dalla condotta di quello che fu un fedele alleato Nato, la politica estera turca è tutt’altro che sprovveduta ed anzi testimonia la qualità della sua classe politica. Gheddafi non è ancora caduto e un’adesione forte all’attacco oggi potrebbe compromettere opportunità di mediazione domani. C’è poi da conquistare la palma di leader nel mondo arabo e soprattutto tutelare i tanti, tanti affari che fanno del silenzio di Ankara un silenzio d’oro.

LEGGI ANCHE:

Ankara guarda all’Egitto, e sogna di dominare il Medioriente

Ankara cambia politica estera, e mette Israele tra i nemici

GRECIA: Il muro sul confine turco

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

partita per i corridoi strategici

TURCHIA: Il ruolo di Ankara nella partita per i corridoi strategici

La partita per i "corridoi" strategici tra l'Asia e l'Europa è iniziata nel 2013 con la "Nuova Via della Seta" (BRI) proposta dalla Cina per facilitare gli scambi tra i due continenti. Nel 2023, a margine dei lavori del G20 di New Delhi, i leader di India, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Unione Europea - sostenuti dagli Stati Uniti - hanno lanciato una nuova infrastruttura economica per connettere India–Medio Oriente–Europa (IMEC) e provare a contenere la crescente influenza del Dragone.  Ma a scombinare le carte ci ha pensato la Turchia che si è opposta strenuamente al progetto. Lo stato anatolico sta infatti pianificando da tempo un proprio schema di connettività strategico passante per l’Iraq e noto come “Development Road Project”. Rispetto all'IMEC, il collegamento pensato da Ankara ha il vantaggio di essere già in una fase avanzata di definizione mentre il  primo è ancora un concetto teorico. 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com