RUSSIA: Terremoto in Giappone, evacuati undicimila russi dalle Isole Curili

di Matteo Zola

Un violentissimo terremoto ha scosso il Pacifico colpendo con maggior gravità il Giappone dove, oltre a causare decine di morti e uno tsunami con onde alte fino a dieci metri, il terremoto di magnitudo 8,9 sta creando apprensione per gli effetti sulle centrali nucleari. Intanto una nave con a bordo 100 persone è stata travolta dallo tsunami che ha colpito il nord est del Paese. La prima scossa, seguita poi da altre di assestamento, è stata registrata alle 14.46 locali (le 6.46 in Italia) e un allerta tsunami è stato decretato in tutto l’Oceano tranne che per Stati Uniti e Canada continentali. In particolare è in vigore in Russia, Filippine, Indonesia, Papua Nuova Guinea, Australia, Figi e centroamerica.

A essere duramente colpite dal terremoto anche le isole Curili, al centro di una recente contesa territoriale fra Mosca e Tokio. Ben undicimila i russi evacuati dall’arcipelago in cui, più o meno segretamente, Medvedev aveva cominciato a trasferire armi facendo pattugliare le isole dalla marina. Il terremoto ha così svelato quanto massiccia fosse la presenza russa nelle Curili, persone che è difficile immaginare come semplici turisti in vacanza. Undicimila è il numero, al lordo dei tecnici e degli osservatori militari, delle truppe russe stanziate in un territorio conteso. Così si esplicita una volta di più il metodo russo di risolvere le contese: con l’occupazione. Al Giappone non sarebbe rimasta che la replica militare, un lusso che a Tokio non possono permettersi vista la scarsità degli effettivi dell’esercito. Una scarsità figlia, pur dopo sessant’anni, della sconfitta nella Seconda guerra mondiale. E certo da Washington nessuno ha mai pensato di muovere un dito di fronte all’ennesima aggressione del Cremlino che, a piccoli morsi, divora fette di territorio ai suoi vicini: Caucaso, Artico, Giappone, Crimea. Sono molte le vittime (anche designate) della politica estera di Mosca. Mentre il mondo si limita a guardare.

LEGGI ANCHE:

Armi tecnologiche per il controllo delle Curili

Medvedev sfida il Giappone: “Quelle isole sono nostre”

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

LGBT

RUSSIA: Ora la lotta all’attivismo femminista e LGBT si combatte sui social

Da direttrice di un teatro per ragazzi di provincia, Yulija Tsvetkova è diventata uno dei volti della repressione politica in Russia. La sua storia è la dimostrazione di come neanche i social media siano più un luogo sicuro per la comunità LGBT e femminista russa.

Un commento

  1. Scusa, ma proprio non riesco a comprendere le tue ragioni…
    Le Isole Curili fino a prova contraria appartengono alla Russia sulla base di accordi più o meno universalmente riconosciuti; dopodichè, i russi da sempre hanno la cattiva abitudine di piazzare l’esercito lungo i suoi “confini caldi”, ma la cosa è del tutto legittima.
    Allora in questi termini varrebbe lo stesso per gli a americani a Guantanamo e molte altre situazioni simili.

    E inoltre per quanto riguarda le isole Curili non ci sono rivendicazioni etniche di ogni sorta, visto che erano abitate all’epoca da una minuscola popolazione indigena…

    cordoglio alla popolazione giapponese maremotata!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: