ROMANIA: Tra crisi economica e derive autoritarie

Sulla lista delle vittime della crisi economica in corso, la Romania sembra la prossima. “Ogni giorno si sente dire che una fabbrica ha chiuso o si è spostata all’estero -dice Luca Niculescu, dirigente nel settore comunicazioni a Bucarest (fonte The Observer)- e il governo non ha finora dato prova di grande efficienza. Il Paese si è abituato a tassi di crescita molto elevati. Si vedranno un bel po’ di pesone scendere in piazza”. Anche la Dacia, azienda automobilistica del gruppo Renault, che produce auto a basso costo, ha annunciato tagli per quattromila dipendenti.
La classe media è nel mirino e anche il numero di dipendenti pubblici sarà ridimensionato a causa delle riduzioni di entrate fiscali che inciderà sul bilancio statale. C’è poi il problema dei mutui per acquistare immobili: la maggior parte è in euro e il deprezzamento del Leu rende difficilissimo ripagarli. La Romania, come buona parte dei paesi dell’est, non era pronta ad affrontare l’impatto della recessione.

Dopo quasi un decennio di crescita a due cifre sarà dura assorbire il contraccolpo della crisi e a rischiare sarà il governo: disordini si sono già verificati nella vicina Bulgaria. La già indebolita democrazia romena potrebbe reagire violentemente alle proteste, spingendo il Paese verso pericolose derive autoritarie.

 

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

Romania fuori Schengen

ROMANIA: Ancora fuori Schengen, per quanto ancora?

Quindici anni dopo il suo ingresso in UE, la Romania è ancora fuori da Schengen …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: