UNGHERIA: il Fiorino in caduta libera

Nuovo record negativo per il fiorino, la moneta ungherese: per un euro erano necessari stamane 304 fiorini. Secondo gli esperti, il cambio si assesta, ormai stabilmente a 300, contro 280 a ottobre e 230 a luglio. La Banca nazionale non e’ intervenuta in difesa della moneta con un aumento del tasso di interessi di base, attualmente al 9,5%, visto che la recessione e l’inflazione sono piu’ basse del previsto.
Il fiorino debole aiuta gli esportatori ungheresi, mentre peggiora molto la situazione dei debitori in valute. In Ungheria, la maggioranza dei crediti di case e veicoli e’ stipulata ormai da anni in valuta (euro o franco svizzero), cosi’ con il fiorino a oltre 300, i debiti e le rate mensili sono aumentate notevolmente.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

CRIMEA: L’appello dei tatari contro l’occupazione della penisola

In un incontro ad Ankara, 46 rappresentanti della comunità dei tatari di Crimea fanno appello alla comunità internazionale per porre fine all’occupazione russa della penisola.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: