museo ebrei Balcani

BOSNIA: Un museo per gli ebrei dei Balcani. La visione di Eli Tauber

A 72 anni, Eli Tauber ha un progetto ben chiaro in mente: un museo che racchiuda e presenti mezzo millennio di storia del popolo ebraico nei Balcani, nel centro della sua Sarajevo.

Autore e storico sarajevese che ha scritto diversi libri sulla cultura e la storia degli ebrei bosniaci, già giornalista presso il quotidiano Oslobodjenje, Eli Tauber e sua moglie Mirjam si sono rifugiati per 12 anni in Israele per sfuggire all’assedio e alla guerra. Sono rientrati a Sarajevo nel 2004, e da allora Tauber lavora presso l’Istituto per la ricerca sui crimini contro l’umanità e il diritto internazionale dell’Università di Sarajevo. Oggi è direttore del Centro per la ricerca sulla storia degli ebrei della Bosnia Erzegovina.

Negli ultimi vent’anni, assieme alla Comunità ebraica di Bosnia Erzegovina, Eli Tauber ha composto un archivio con documenti, fotografie, manufatti e genealogie per preservare la storia ebraica bosniaca. L’archivio è aperto da ottobre 2022, ha confermato Tauber all’agenzia FENA, e può contare accordi di cooperazione con gli archivi della Bosnia Erzegovina, di Travnik e Bihać, gli archivi di stato croati e il Museo storico ebraico.

Lo scorso ottobre, la Comunità ebraica ha acquisito uno spazio di 70 metri quadri nel centro di Sarajevo, con l’obiettivo di trasformare l’archivio in un museo. “La nostra idea è scrivere la storia del popolo ebraico in Bosnia ed Erzegovina”, ha detto Tauber alla Jewish Telegraphic Agency. “Ma non è così facile, stiamo parlando di 500 anni di storia e non solo di storia ma di persone, famiglie e destini di tutte quelle persone in 500 anni”.

Gli ebrei sefarditi arrivarono per la prima volta nella regione durante il periodo dell’Impero Ottomano, dopo essere fuggiti dall’Inquisizione spagnola. Gli ebrei ashkenaziti seguirono l’esempio quando l’area cadde sotto il dominio austro-ungarico dal 1878. Fino all’olocausto, perpetrato in Bosnia dal regime filonazista degli ustaša croati, Sarajevo era per circa il 20% ebraica e conosciuta affettuosamente come la “piccola Gerusalemme” per la sua varietà di sinagoghe, moschee e chiese cattoliche e ortodosse.

Tauber ha attraversato i Balcani per il suo progetto, lavorando con archivi di stato e incontrando discendenti di ebrei bosniaci da Belgrado a Vienna a Budapest. “Sono appena tornato da Belgrado qualche mese fa con 7.000 scansioni“, ha detto a JTA.

Ci vorranno ancora almeno due anni per completare l’archivio, comprensivo di alberi genealogici online, che Tauber spera aiuti a rimettere in contatto tutti coloro che hanno lasciato il paese e i loro discendenti.

Secondo Tauber, solo quando guardiamo agli archivi ci rendiamo conto di quanto poco sappiamo delle comunità ebraiche nei Balcani. “Ecco perché questo archivio ha una dimensione sociale speciale, e non solo storica dedicata a un solo periodo”, ha sottolineato Tauber.

Foto: Elvis Barukcic/AFP via Getty Images

Chi è Andrea Zambelli

Andrea Zambelli è uno pseudonimo collettivo usato da vari membri della redazione di East Journal.

Leggi anche

Srebrenica strade

BOSNIA: Srebrenica rinomina le strade, senza ricordare il genocidio

Il comune di Srebrenica ha adottato la proposta di cambiare nome a 25 strade cittadine, dedicandole ai cetnici e alla Repubblica Srpska: una decisione divisiva che dimentica il genocidio.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com