Chernobyl e l’eroismo hollywoodiano made in Russia

In seguito al successo riscosso dalla miniserie TV Chernobyl prodotta dall’americana HBO, nel 2019 la tv di stato russa aveva annunciato di star lavorando a una versione tutta made in Russia. La decisione è frutto dell’intenzione dei russi di manifestare il loro punto di vista sulla catastrofe nucleare: la serie americana è stata infatti definita da una fetta del pubblico russo come “frode storica”. Secondo il quotidiano Komsomol’skaja Pravda, la serie di casa HBO era stata prodotta da concorrenti della compagnia nucleare russa Rosatom, al fine di minare la leadership della Russia nelle esportazioni di reattori nucleari.

La miniserie americana, pur non essendo una perfetta ricostruzione storica, secondo molti commentatori era stata in grado di fornire il ritratto più realistico dell’epoca rispetto alla maggior parte dei film russi e aveva valorizzato il ruolo della gente comune sovietica, capace di atti di massimo eroismo.

La versione russa

A mettere in scena l’esplosione del 26 aprile 1986 del reattore numero 4 della centrale nucleare di Chernobyl è stato il regista russo Danila Kozlovskij (già noto al pubblico internazionale per la partecipazione alla serie Vikings) nel film dal titolo Chernobyl: Abyss, pellicola che è stata presentata in anteprima lo scorso 15 aprile ma che non ha riscosso lo stesso successo riservato alla serie firmata HBO.

Il film russo Chernobyl, che ha come protagonista un pompiere immaginario di nome Aleksej Karpushin (interpretato dallo stesso Kozlovskij) che lascia il suo lavoro a Pripjat’ per trasferirsi a Kiev. La drammatica esplosione del 26 aprile nella centrale nucleare di Chernobyl sconvolgerà i suoi piani, richiamandolo a Pripjat’ per prestare il suo prezioso aiuto. Una volta tornato, grazie all’aiuto di un ingegnere e un subacqueo militare, il pompiere riesce a salvare i suoi colleghi e a prevenire un’altra esplosione. Successivamente, in linea con un perfetto finale hollywoodiano, Aleksej Karpushin si allontana dalle radiazioni quasi indenne.

Sia il regista Kozlovskij che i produttori del film Aleksandr Rodnjanskij e Sergej Melkumov (Loveless, Leviathan), hanno specificato di voler evitare qualsiasi confronto tra la miniserie americana e il film russo, considerata la peculiarità del genere fantasy di quest’ultimo.

I commenti

Diversi critici cinematografici russi hanno definito il film “più hollywoodiano della versione di Hollywood”. A detta loro, la scelta di concentrare la narrazione prevalentemente attorno al personaggio di Aleksej Karpushin ha messo in ombra la descrizione del disastro nucleare più grande della storia.

La giornalista Vera Alenushkina ha enfatizzato il grande divario tra la realtà e la trasposizione cinematografica russa. Secondo il suo punto di vista, se non si considerano costumi e location, il fantasy melodrammatico Chernobyl si configura come qualsiasi altro film catastrofico.

Chernobyl: Abyss doveva sbarcare nelle sale cinematografiche a ottobre 2020, ma a causa della pandemia di Covid-19 la sua uscita era stata posticipata fino ad oggi.

Oltre a Chernobyl: Abyss, la NTV, una delle più importanti emittenti russe, sta producendo una serie che vede responsabile dell’esplosione nucleare una spia americana infiltrata in Russia.

Rircordiamo l’appuntamento di giovedì 29 aprile: East Journal e i colleghi dell’AISU, in diretta dalle 18.30, faranno una passeggiata virtuale dentro e fuori la Zona, ripercorrendo le vicende del 26 aprile 1986 dal punto di vista storico, sociale, culturale e artistico.

Immagine: IMDb.com

Chi è Lilly Marciante

Nata nella costa sud-occidentale siciliana. Dopo gli studi linguistici mi sono concentrata sull' area post-Sovietica. Attualmente frequento il secondo anno di magistrale MIREES presso l'Università di Bologna. Collaboro con East Journal da inizio 2020 occupandomi di Europa Orientale.

Leggi anche

vladimir putin

RUSSIA: “Sull’unità storica di russi e ucraini” di Vladimir Putin. Verso un’Unione Sovietica 2.0?

Il presidente russo Vladimir Putin espone la sua posizione in termini storici sulla questione ucraina in un articolo che porta la sua firma. Ne riportiamo alcuni punti chiave.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com