ARMENIA: In Piazza della Libertà non soffia più il vento?

Come ogni 24 aprile, l’intera comunità armena, sia in patria sia nella diaspora, si appresta a commemorare la pagina più triste della propria storia: igenocidio perpetrato dall’Impero ottomano, che causò la morte di un milione e mezzo di persone, è una delle tragedie più grandi che il ventesimo secolo ricordi. Vista la situazione  in Armenia si registrano 1200 casi di coronavirus e venti morti – il clima sarà ancora più plumbeo del solito a Erevan. Soprattutto perché il Medz Yeghernil Grande Crimineè tutt’ora un evento storico disconosciuto da molti: solo ventinove paesi (il trentesimo sarà la Siria; il parlamento ha approvato una risoluzione in febbraio) hanno fatto loro la definizione di genocidio approvata dalle Nazioni UniteNon è un caso, ma una questione politica. Per molti, specie tra i piccoli e più deboli vicini, è troppo pericoloso irritare la Turchia, una grande potenza commerciale e militaremembro della NATO, snodo strategico delle forniture energetiche all’Europa 

Il senso di sconfitta riporta indietro nel tempo

La sensazione di ingiustizia e di rivalsa che si respira nella comunità armena riporta la mente delle generazioni più anziane al 1965Proprio la sera del 24 aprile di quell’anno, migliaia di persone si radunarono in piazza in vista del cinquantesimo anniversario del “grande crimine”Il messaggio che, a gran voce, veniva urlato dai manifestanti era cristallinochiedevano al governo sovietico di riconoscere il genocidio. I cannoni ad acqua dell’esercito dispersero la folla, ma i manifestanti ottennero la loro vittoria: Mosca ordinò di costruire un memoriale del genocidio in cima alla collina di Tsitsernakaberdda dove ancora domina Erevan. È proprio da quella piazza, rinominata Piazza della Libertà dopo la caduta dell’Unione Sovietica, che l’Armenia ha ritrovato il senso di identità che l’ha accompagnata fino ad oggi 

Le sorti del paese passano da una piazza

Molte delle lotte sociopolitiche del paese sono perciò passate da . Nel 1988 in Piazza della Libertà i manifestanti si sono ritrovati per protestare contro la gestione dei rifiuti tossici della centrale nucleare di Metsamor e della fabbrica chimica di NairitNello stesso periodo, nello stesso luogo, nasceva il movimento per il Nagorno-Karabakh. I manifestanti di quella regione, i quali si erano già appellati al Cremlino per unirsi alla repubblica sovietica dell’Armenia, arrivarono in massa in Piazza della Libertà. Quelle giornate avrebbero trasformato per sempre il panorama geopolitico del Caucaso meridionale. La piazza è poi tornata sotto i riflettori durante le controverse elezioni presidenziali del 2008Vfurono diversi raduni e picchetti a sostegno della rielezione di Levon Ter-Petrosyan. Le controversie sul risultato elettorale, che diedero la presidenza a Serzh Sargsyanspinsero ancora più folla verso la piazza e, il primo marzo, sfociarono in uno scontro fra manifestanti e polizia, con 10 morti e la dichiarazione dello stato di emergenza per 20 giorni. Di recente, Piazza della Libertà è stata teatro di altre proteste di stampo sociale; da quelle contro i rialzi dei prezzi dell’elettricità a quelle contro la riforma del sistema pensionistico. Proteste di un peso non indifferente, considerando le drammatiche condizioni economiche in cui versa l’Armenia. 

Vi è una stretta connessione tra il sentimento di insoddisfazione che accompagna la comunità armena in questa annuale commemorazione del genocidio e le condizioni politico-sociali in cui versa il paese. L’estensione del riconoscimento a più paesi possibili ha sempre rappresentato una priorità dei governi armeni benché l’adesione di Washington sia stata un passo avanti, rischia di essere una vittoria di Pirro Con due dei quattro confini bloccati e un terzo della popolazione sotto la soglia povertà, l“Rivoluzione di velluto di Nikol Pashinyan non ha prodotto i tanto attesi cambiamenti,  ha ottenuto la rivendicazione storica che gli armeni si attendono.  Chissà che in Piazza della Libertà, finita la quarantena, non torni a soffiare il vento del 1965.  

Immagine: Foreign Policy

Chi è Leonardo Zanatta

Nato e cresciuto a Bologna, approda in Azerbaigian dopo un anno passato tra diverse città in Russia. Laureatosi in Scienze internazionali e diplomatiche, frequenta il secondo anno di magistrale MIREES (Interdisciplinary studies on Eastern Europe). Questa esperienza gli ha consentito di approfondire il suo interesse per lo spazio post-sovietico (in particolare per il Caucaso e l'Asia Centrale) e di applicarlo a tematiche quali sicurezza energetica e cooperazione economica regionale. Scrive per East Journal da inizio 2020 e collabora con il Caspian Center for Energy and Environment di Baku e l'Istituto Analisi Relazioni Internazionali (IARI).

Leggi anche

Corte Costituzionale

ARMENIA: Polemiche per le dimissioni forzate alla Corte Costituzionale

Polemiche in Armenia per l'entrata in vigore della legge che prevede le dimissioni forzate per alcuni membri della Corte Costituzionale.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com