elezioni albania
Prime Minister of Albania Edi Rama delivers remarks during the opening session of North Atlantic Treaty Organization (NATO) Military Committee in Chiefs of Defense (MC/CS) Session in Tirana, Albania Sept. 16, 2017. The Chiefs of Defense will discuss further implementation of the Projecting Stability concept, the security situation in the Western Balkans region and provide recommendations for the way ahead for the Resolute Support Mission in Afghanistan and Kosovo Force. The CHODS will exchange views on NATO’s Adaptation and receive briefings on the current status of the NATO Command Structure review. Finally, they will elect the next Chairman of the NATO Military Committee, who will take office in 2018. (DOD photo by Navy Petty Officer 1st Class Dominique A. Pineiro)

ALBANIA: L’opposizione boicotta le elezioni locali, la bassa affluenza indebolisce il governo

Le elezioni amministrative di domenica 30 giugno in Albania si sono svolte senza incidenti, nonostante il clima di tensione derivante dal boicottaggio dell’opposizione. Il Partito Socialista vince in tutti i comuni, ma la bassa affluenza segna un indebolimento per il premier Edi Rama.

L’assenza voluta dell’opposizione

I partiti di opposizione – il Partito Democratico e il Movimento Socialista per l’Integrazione – non avevano infatti presentato candidati e avevano invitato gli elettori a non partecipare al voto, citando come motivo la presunta vicinanza tra il Partito Socialista di Rama e la criminalità organizzata locale. Un appello che almeno in parte sembra essere stato accolto: secondo la commissione elettorale albanese, soltanto il 21,6% degli aventi diritto si è presentato ai seggi, una flessione significativa rispetto al 48% delle ultime elezioni del 2017.

Il Partito Democratico ha anche manifestato perplessità riguardo il numero di votanti, sostenendo che la commissione elettorale lo avesse aumentato arbitrariamente. In risposta, la commissione si è giustificata dicendo che il totale è ancora provvisorio.

Verso la crisi istituzionale?

La decisione dell’opposizione di non presentare candidati ha di fatto consegnato l’Albania al Partito Socialista di Rama, che ha vinto in tutti i comuni. Tuttavia, è difficile pensare che il partito del premier riuscirà a governare serenamente, quando da settimane decine di migliaia di persone protestano contro il governo, chiedendo a Rama di dimettersi e di andare ad elezioni politiche anticipate. Le proteste avevano causato un’incrinatura nei rapporti tra Rama e il presidente Ilir Meta. Quest’ultimo, infatti, aveva suggerito di spostare le elezioni a ottobre, proposta ignorata da Rama.

In generale, quindi, anche se le elezioni si sono svolte senza incidenti, il bilancio complessivo non sembra essere positivo per il sistema democratico del Paese. Intanto, subito dopo la pubblicazione dei dati sull’affluenza, il premier ha aperto al dialogo con l’opposizione, lasciando intendere nuovi sviluppi per la crisi istituzionale in corso.

Foto: Flickr.com

Chi è Eleonora Febbe

Laureata in Russian Studies all'University College London e in Interdiscilplinary Research and Studies on Eastern Europe all'Università di Bologna. Si interessa principalmente di democratizzazione e nazionalismo nel Caucaso e in Asia Centrale. Attualmente vive a Tbilisi.

Leggi anche

La comunità Arbëreshë, gli albanesi d’Italia

Gli Arbëreshë, ovvero gli Albanesi d'Italia, vivono in Italia da quasi sei secoli e sono custodi della tradizione albanese pre-occupazione Ottomana. Nell'ultima anno, sono stati visitati dal primo ministro albanese e dalla ministra degli Esteri kosovara

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com