RUSSIA: E la Merkel chiama Medvedev "signor candidato"

Un gioco di parole e di doppi sensi che indica chiaramente la preferenza di Angela Merkel per le prossime presidenziali russe. Lo scambio di battute è avvenuto ieri ad Hannover e i quotidiani di Mosca gli dedicano oggi ampio spazio. Il cancelliere tedesco ha chiamato il presidente russo Dmitri Medvedev “signor candidato” e secondo Kommersant “non è chiaro se si riferisse al suo status accademico o all’attuale posizione” del leader del Cremlino rispetto alle presidenziali del 2012, dove non è ancora ufficiale se scenderà in campo lui o Vladimir Putin.

Medvedev, davanti ai top manager tedeschi, stava raccontando di quando all’università tutti lo chiamavano dottore, e invece lui non era altro che “un povero candidato”, ossia un semplice ricercatore (in russo ‘kandidat na aspiranture’). A quel punto la Merkel è intervenuta: “Io invece d’ora in avanti la chiamerò ‘signor candidato'”, ha detto.

Delle preferenze di Berlino anche ieri la stampa teutonica non ha fatto mistero, lasciando chiaramente intendere che il primo partner commerciale della Russia e il primo acquirente di oroblu prodotto da Gazprom, gradirebbe vedere ancora Medvedev al Cremlino.

(reuters)

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

dmitriev gulag

RUSSIA: Sentenza Dmitriev, un caso di “guerra di memoria” mal scritto. Intervista ad Andrea Gullotta, studioso del Gulag

Il 22 luglio la corte di Petrozavodsk ha condannato lo storico e attivista russo Jurij Dmitriev a 3 anni e 6 mesi di reclusione, chiudendo un processo che molti definiscono “politico”. Ne abbiamo prontamente parlato con Andrea Gullotta, studioso dell’università di Glasgow che da anni si occupa di Gulag e della memoria delle repressioni sovietiche.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: