ALBANIA: I socialisti vincono le elezioni, crolla l’opposizione

Il premier socialista Edi Rama ha vinto le elezioni politiche in Albania, ottenendo, secondo i dati ad ora disponibili, circa 78 deputati sui 140 totali. Al secondo posto il Partito democratico, principale forza di opposizione guidata da Lulzim Basha, a cui andrebbero circa 40 deputati, seguito dal Movimento socialista per l’Integrazione, LSI, con 20 seggi. Al termine dello scrutinio mancano ancora una manciata di schede, ma il quadro è ormai molto chiaro.

Stando agli ultimi risultati della Commissione Elettorale Centrale dell’Albania, il partito di Rama ottiene la maggioranza assoluta, conquistando oltre il 51% delle preferenze, mentre Basha si aggiudica il 28% e il LSI di Ilir Meta si ferma al 15%.

Il Partito socialista avrebbe dunque una maggioranza più che sufficiente per portare avanti le riforme promesse, con lo sguardo rivolto a Bruxelles. La campagna elettorale di Rama è stata semplice e concentrata sulla necessità di andare avanti da solo senza coalizzarsi con altri partiti (nella precedente legislatura il PS era alleato con il LSI di Ilir Meta) che, a suo dire, intralciano il cammino delle riforme cruciali per il paese.

La “guerra” elettorale tra Rama e Meta, appena eletto presidente delle Repubblica, è stata particolarmente aggressiva. Meta si è impegnato in una campagna in prima linea per il suo partito, che ha sofferto una evidente mancanza di leadership e si ritroverà adesso all’opposizione, dopo esser stato per anni ago della bilancia delle coalizioni di governo.

Il dato più evidente è che il centrodestra ha subito la più grande sconfitta politica degli ultimi vent’anni. Il leader Basha è ora sotto accusa. I suoi avversari interni parlano di una cattiva gestione della campagna elettorale, caratterizzata prima dalla minaccia del boicottaggio, poi dal compromesso con Rama e infine da una lista di candidati considerati non rappresentativi del partito. Molti adesso vogliono la testa di Basha e il ritorno dell’ex leader forte del partito Sali Berisha, in veste di garante di un processo di rinnovamento.

Un altro dato che emerge da questa tornata elettorale è la scarsa partecipazione dei cittadini albanesi. Il dato dell’affluenza è particolarmente basso, intorno al 44%. Si sono registrati alcuni incidenti a Lezha, Berat e Shkodra e tentativi di compravendita del voto, anche se meno che in elezioni passate. La campagna elettorale è stata definita una delle più tranquille nella storia del paese.

L’Albania è uno dei Paesi più poveri d’Europa, con un salario medio mensile di 340 euro. Inoltre il paese continua a registrare un’alta disoccupazione e una forte emigrazione all’estero dei suoi giovani. Tirana è candidata per l’accesso all’Unione Europea dal 2014, ma nell’ultimo report Bruxelles ha criticato il sistema giudiziario “lento e inefficiente” in cui “la corruzione resta prevalente” con poche condanne per coloro che fanno parte del crimine organizzato. La sfida per Rama è dunque difficile: ma da oggi ha dalla sua parte una maggioranza più forte per affrontare i problemi dell’Albania e proseguire sul cammino delle riforme.

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

elezioni

ALBANIA: Il dopo elezioni, tutti vincenti, tutti perdenti

Le elezioni amministrative di domenica scorsa in Albania si sono svolte in un clima sereno. L'affluenza bassissima sembra avere dato un vantaggio alle opposizioni, promotrici del boicottaggio contro il governo Rama. E' davvero così?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: