RUSSIA: Cosa sappiamo dell’attentato di San Pietroburgo?

Mentre il numero delle vittime arriva a quota 11 morti e quello dei feriti si attesta attorno ai 51 (ospedalizzati), i Servizi Segreti del Kirghizistan hanno comunicato ufficialmente il nome del presunto attentatore di Pietroburgo: Akbaržon Džalilov, nato a Oš (Kirghizistan) nel 1995, naturalizzato russo.

In precedenza era circolata la notizia che il presunto attentatore fosse il kazako Maksim Vital’evič Aryšev, di 21 anni. “Questa informazione non corrisponde a verità. Con tutta probabilità è lui stesso una vittima dell’attentato” ha riferito Bilisbekov, vice presidente dei servizi segreti del Kazakistan. Lo stesso ha aggiunto che “l’attentatore verrà certamente individuato con sicurezza in tempi brevi e le investigazioni cercheranno di individuare anche gli altri organizzatori”.

In Russia sono stati indetti tre giorni di lutto dopo l’attentato di ieri.

L’attentato non ha avuto nessuna rivendicazione da parte di alcuna organizzazione terroristica.

https://m.youtube.com/watch?v=D_cJjVuFRaY

Chi è Martina Napolitano

Dottore di ricerca in Slavistica presso l'Università di Udine, è direttrice editoriale di East Journal e scrive principalmente di Russia. È caporedattrice della sezione Europa Orientale.

Leggi anche

Pillole di filosofia russa/3: Lomonosov, la “prima università russa”

Quando si parla di illuminismo russo non si può non pensare a Michail Lomonosov. Scienziato e pensatore di rilievo, fu definito dal poeta Aleksandr Puškin "la prima università russa" per le sue grandi doti intellettuali che spaziano dalla metallurgia alla linguistica. Non solo contribuì all'avanzamento delle scienze, ma fondò le basi del materialismo in Russia influenzando le future generazioni di filosofi.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com