RUSSIA: Cosa sappiamo dell’attentato di San Pietroburgo?

Mentre il numero delle vittime arriva a quota 11 morti e quello dei feriti si attesta attorno ai 51 (ospedalizzati), i Servizi Segreti del Kirghizistan hanno comunicato ufficialmente il nome del presunto attentatore di Pietroburgo: Akbaržon Džalilov, nato a Oš (Kirghizistan) nel 1995, naturalizzato russo.

In precedenza era circolata la notizia che il presunto attentatore fosse il kazako Maksim Vital’evič Aryšev, di 21 anni. “Questa informazione non corrisponde a verità. Con tutta probabilità è lui stesso una vittima dell’attentato” ha riferito Bilisbekov, vice presidente dei servizi segreti del Kazakistan. Lo stesso ha aggiunto che “l’attentatore verrà certamente individuato con sicurezza in tempi brevi e le investigazioni cercheranno di individuare anche gli altri organizzatori”.

In Russia sono stati indetti tre giorni di lutto dopo l’attentato di ieri.

L’attentato non ha avuto nessuna rivendicazione da parte di alcuna organizzazione terroristica.

Chi è Martina Napolitano

Dottoranda in Slavistica presso l'Università di Udine e Trieste, per EaST Journal scrive principalmente di Russia e cura la rubrica Linguae.

Leggi anche

rete runet

In Russia stanno testando un’alternativa a internet

In linea con l’attuale strategia del Cremlino, nella seconda metà di dicembre si sono svolte diverse esercitazioni mirate a testare il funzionamento di una rete nazionale alternativa all’Internet mondiale. L’iniziativa, definita di successo dal ministero delle Comunicazioni, potrebbe aumentare il controllo statale sui contenuti web e limitare la libertà di espressione dei cittadini.

%d bloggers like this: