UCRAINA: Oggi si vota in Olanda sull’accordo di associazione tra UE e Ucraina

Urne aperte oggi nei Paesi Bassi per decidere se l’accordo di Associazione tra l’Ucraina e l’Unione Europea, già ratificato da 27 paesi, va a genio ai cittadini olandesi.

 Mettendo in atto una legge approvata nel 2015, 427.000 cittadini dei Paesi Bassi, degli almeno 300.000 prescritti, hanno richiesto di sottoporre a parere popolare la ratifica approvata dal Parlamento dell’Aia.

Il Referendum ha natura consultiva, non obbligando né Parlamento, né Governo ad alcuna azione specifica, ma gran parte dei partiti hanno dichiarato che rispetteranno l’esito della consultazione: ecco quindi che una bocciatura avrà come risultato il no olandese all’accordo, che ha bisogno dell’approvazione di tutti gli Stati membri UE per entrare in vigore.

 Gli exit poll danno in vantaggio il fronte del “no”, guidato dai partiti euroscettici interessati a mettere in difficoltà il governo, anche se il risultato sembra tutt’altro che scontato anche alla luce del quorum richiesto: serve una partecipazione minima del 30% degli aventi diritto, ed al momento ciò non sembra scontato.

Domani, sempre su EastJournal, l’analisi della consultazione e gli scenari che si aprono a fronte del risultato.

12963575_813895172076293_1266489671451658716_n

“Per votare sull’accordo d’associazione con l’Ucraina, mettere una croce su ‘Ucraina’”  – fumetto di René Leisink

Chi è Pietro Rizzi

Dottorando in Relazioni Industriali presso l’Università degli Studi di Bergamo, collabora con l’OSCE/ODIHR come osservatore elettorale durante le missioni di monitoraggio in Est Europa. Redattore per East Journal, dove si occupa di Ucraina, Est Europa e Caucaso in generale. In passato è stato redattore ed art director del periodico LiberaMente, e si è a lungo occupato di politica come assistente parlamentare e consulente giuridico per comitati referendari. Ha risieduto, per lavoro e ricerca, a Kiev e Tbilisi.

Leggi anche

mariupol

UCRAINA: A Mariupol si respira polvere di ferro

Nonostante la linea di contatto sia a pochi chilometri, a Mariupol, porto ucraino sul mar d'Azov, si respira un'aria di normalità. Ma quella stessa aria è pesantemente inquinata dallo storico complesso metallurgico di proprietà di Rinat Achmetov.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com