Doku Umarov rivendica l'attentato all'aeroporto di Mosca

di Gaetano Veninata

 

Doku Umarov rivendica l’attentato all’aeroporto Domodedovo del 24 gennaio e minaccia nuovi attacchi contro la Russia. Con un video caricato su un sito islamico l’uomo – che si definisce “Emiro del Caucaso del Nord” – a oltre due settimane di distanza, non ha fatto altro che confermare la pista che il Cremlino aveva privilegiato sin dal giorno dell’attentato: quella della guerriglia caucasica che rivendica la creazione di uno Stato islamico comprendente Cecenia e Daghestan.

L’esplosione al terminal arrivi internazionali del principale aeroporto moscovita aveva fatto 36 morti e circa 200 feriti. Per la Russia, da anni in guerra sporca con l’estremismo islamico, Umarov ha promesso un 2011 di “lacrime e sangue”. Nonostante le promesse del premier Vladimir Putin, che sulla guerra in Cecenia ha fondato la sua ascesa politica, Mosca fatica tremendamente a contrastare gli attacchi imputati alla guerriglia caucasica. Ieri le forze di sicurezza hanno sgominato un gruppo islamico in Bashkiria, Repubblica autonoma degli Urali, e hanno arrestato il suo leader, uomo vicino a Doku Umarov.

Ma è l’Emiro a essere il ricercato numero uno, quello che secondo gli inquirenti e per sua stessa ammissione starebbe dietro ai maggiori attentati. Si batte in nome di Allah e per creare uno stato islamico libero nel Caucaso del nord. Ma mettere la Cecenia tra le tante province gli ha inimicato i capi nazionalisti storici. Nel suo ultimo messaggio video, parla anche di un incontro con il gruppo responsabile del massacro alla scuola di Beslan. Un video senza data il cui scopo, dicono gli analisti, sarebbe smentire le ripetute voci sulla sua morte.

Fonti: Euronews, Ansa

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

pandora papers

CAUCASO: La bufera dei Pandora Papers si abbatte anche su Armenia, Azerbaigian e Georgia

Il 3 ottobre, il Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi ha pubblicato i “Pandora Papers”. L’inchiesta dell'ICIJ si è abbattuta anche su alcune figure di spicco di Armenia, Azerbaigian e Georgia. Tra queste emergono in primis il presidente azero Ilham Aliyev e il magnate e politico georgiano Bidzina Ivanishvili.

Un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Privacy Preference Center

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: