UCRAINA: Sogni di vassallaggio. Il russo come lingua ufficiale di Kiev?

di Matteo Zola

 

 

Percentuale di persone che parlano russo

 

Prove di annessione in corso in Ucraina, ma ormai è evidente: non è un’esercitazione. Dopo aver unito settore energetico, areonautico, e in parte anche quello militare, l’Ucraina di Yanucovich si appresta a un ulteriore passo verso il Cremlino: il russo come lingua ufficiale. Davvero Kiev è sempre più una provincia di Mosca.

 

Una legge che promuove il russo a un livello di quasi-parità con l’ucraino è stata presentata alla Rada di Kiev da alcuni deputati del partito di maggioranza che sostiene il presidente Yanukovich. Il partito del presidente però non detiene la maggioranza dei seggi e non dispone dei 300 voti (su 450) che servono a cambiare la Costituzione nella quale l’ucraino è indicato come lingua ufficiale del Paese. Ma Yanukovich non si è perso d’animo e tramite il suo partito ha presentato un progetto che si limita a rendere possibile l’uso del russo nelle scuole e nei tribunali, a livello delle singole regioni. A esultare sono quelle regioni orientali, base elettorale del presidente, in cui la maggioranza della popolazione è russofona.

 

Percentuale di persone che appoggiano il russo come lingua ufficiale

 

L’Ucraina infatti, come sempre emerge durante le elezioni, è un Paese spaccato in due. A occidente gli ucraini, cattolici, nazionalisti (e indipendentisti). A oriente i russi, ortodossi, più vicini a Mosca che a Kiev, potremmo dire “unionisti“. La lingua ucraina, va detto, non è dissimile dal russo. Essa però è un simbolo della ritrovata indipendenza dopo la caduta dell’Urss e fu dichiarata unica lingua nazionale proprio durante i governi dei nazionalisti della “rivoluzione arancione“. Nei tre secoli di unione con la Russia, gli ucraini hanno subito repressioni anche violente a causa di tentativi di russificazione portati avanti prima dagli zar poi dai sovietici. Per gran parte del secolo scorso l’ucraino è stato parlato clandestinamente sopravvivendo solo nelle campagne e nelle regioni più occidentali che entrarono a far parte del Paese solo dopo il 1945, strappandole alla Polonia.

La lingua è un simbolo, e l’innalzamento del russo è un segno dell’avvicinamento a Mosca, anzi dell’unione di Kiev con Mosca. Le elezioni amministrative del 31 ottobre, inoltre, si avvicinano e il tema della lingua potrebbe diventare un punto cardine della campagna elettorale nelle province orientali. 

 

LEGGI ANCHE:

Kiev, provincia di Mosca

La fusione tra Kiev e il Cremlino

L’esercito ucraino guarda all’Armata Rossa

Kiev e il nuovo Patto di Varsavia, pardon – di Tashkent


Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra" e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015).

Leggi anche

Seicento morti. Le vittime del teatro di Mariupol ci furono eccome

Sono state 600 le vittime del teatro di Mariupol', colpito dai russi il 16 marzo scorso. E qualcuno diceva che erano "frottole" e "propaganda"

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: