SLOVACCHIA: Riesumare i democristiani. Sogni di gerontopolitica

 di Gabriele Merlini

In una settimana memorabile per l’assenza di appeal politico, emergono su alcuni quotidiani cechi propositi tra i più intriganti. Il nome per esteso del partito non è facilmente memorizzabile: Křesťanská a demokratická unie – Československá strana lidová; tuttavia la sigla che i militanti sponsorizzano in giro (negli ultimi tempi con relativo successo) è senza dubbio più immediata: KDU – ČSL. Terza opzione, utilizzata principalmente dai media: «lidovici», ossia popolari. Traduzione: i democristiani cechi. Quasi scomparsi ma -si direbbe- essenziali quindi da riesumare.

Membri della gigantesca famiglia dei Popolari Europei, i popolari cechi sono una formazione al momento a galleggiare fuori dalle acque della Camera, non essendo riuscita a varcare la soglia del cinque percento alle elezioni di maggio. I numeri della recente picchiata: dal 7.2 percento del duemilasei la KDU – ČSL è scesa al 4.4 del duemilaotto, passando così da tredici seggi su duecento a un poco confortevole zero.

Movimento antico e di nobili natali, il Křesťanská a demokratická unie – Československá strana lidová affonda le radici nel Partito Socialista Cristiano e nel Partito Nazionale Cattolico di Moravia, gruppi entrambi nati tra la fine del diciannovesimo secolo e l’inizio del ventesimo.* Illustre esponente della famiglia, quel Jan Šrámek capo del governo in esilio in Gran Bretagna sotto l’occupazione nazista.

Confluiti dopo la fine del conflitto nel governo di unità nazionale, i popolari cecoslovacchi vennero offuscati nel quarantennio comunista tra arresti e persecuzioni di vario genere; a seguito dell’ottantanove e il ritorno della democrazia la scelta di ballonzolare -senza mai tuttavia sfondare, sebbene raccattando consensi talvolta anche notevoli- in governi di entrambi i colori, sia con i progressisti di Paroubek che con i conservatori di Klaus e Topolánek (il celebre «centro cattolico» che tutti rincorrono ma in pochi riescono a piazzare stabilmente in uno schieramento.)

Leggendo le statistiche e certe descrizioni dell’elettorato che al KDU – ČSL farebbe riferimento, emerge un quadretto non dei più dinamici: età media avanzata e dislocazione territoriale ben definita, ossia tra le aree rurale della Moravia (bacino tra l’altro privilegiato anche dei comunisti del Komunistická strana Čech a Moravy.) La notizia che vi sarebbe in atto una decisa campagna di riabilitazione del movimento è di questi giorni, a nome di coloro i quali -non tantissimi però ci sono- nelle istanze del partito attualmente extra-parlamentare si rivedrebbero: difesa della vita dal concepimento alla morte, antiabortisti battaglieri e instancabili portavoce della famiglia denominata «tradizionale», possibilmente delle dimensioni di una tribù di media grandezza. Propositi meno primari nei partiti conservatori di governo come l’Ods, Věci veřejné e il nuovo Top 09, nel quale per altro un fiume di «lidovici» sono confluiti.

L’attuale segretario del KDU–ČSL, Cyril Svoboda, è stato nominato alla fine di maggio del 2009 come successore di Miroslav Kalousek, per anni alla testa del partito poi risucchiato anch’egli nella nuova formazione centrista e di governo TOP 09; proprio colui il quale ultimamente è finito in un grosso calderone mediatico a seguito di alcune dichiarazioni polemiche -corredate di velate accuse di corruzione- con il Primo Ministro Petr Nečas. La scelta di parte della stampa e della opinione pubblica di schierarsi con Nečas è da ricondurre al fatto che la carriera di Kalousek è stata piuttosto traboccante di elementi di rottura, polemiche e sospetti; dal contestato ingresso nel governo di Jiří Paroubek quattro anni fa, dopo una campagna elettorale spesa a sbandierare il deciso anti-comunismo dei popolari (la ČSSD di Paroubek era alleata con i comunisti del KSČM) fino alle accuse di corruzione e evasione fiscale degli anni novanta; il fatto che attualmente Kalousek sia Ministro delle Finanze non sembra ripulirlo quanto schiacciarlo sempre più sotto al vetrino dei critici analisti. Ciò nonostante rimane radicata la teoria secondo la quale i suddetti screzi tra P.M. e Ministro delle Finanze non porteranno a effetti traumatici per le sorti del neo-eletto governo; l’ultima creatura di Kalousek TOP 09 ancora veleggia alla grande e per risollevare i suoi ex sodali democristiani, garantiscono, c’è sempre tempo.

 

* Nonostante il noto laicismo della Repubblica Ceca, in zona vi è sempre stata una radicata spiritualità; esempi la Jednota bratrská (Comunità dei Fratelli Boemi sorta alla fine dei trecento, in contrasto al Papato e agli Asburgo durante la ri-cattolicizzazione dell’Europa Centrale) e personaggi come Hus, Chelčický, Komenský o, in età contemporanea, Tomáš Masaryk, il fondatore e primo presidente della Cecoslovacchia dal 1918 al 1935. 

Chi è Gabriele Merlini

Leggi anche

Slovacchia pandemia

SLOVACCHIA: La sfida del governo Matovič alla pandemia

Anche la Slovacchia è stata colpita da una nuova ondata di contagi da coronavirus. Rispetto ai vicini di Visegrad però, il governo Matovič ha risposto testando tutta la popolazione del suo paese. Scelta unica che è costata al premier più di qualche critica, ma che in termini sanitari sembra aver avuto gli effetti positivi sperati.

Un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com