RUSSIA: Il Cremlino: "Non interferiremo col Nabucco", e firma un accordo a Baku

Mosca non intende ostacolare progetti energetici alternativi, ma vuole mostrare ai suoi partner i vantaggi di cooperare con la Russia. Lo ha detto il presidente russo Dmitri Medvedev commentando l’accordo siglato oggi in campo energetico tra Russia e Azerbaijan alla luce della possibile partecipazione azera nel progetto di gasdotto Nabucco. “La posizione della Russia è sempre stata che non possiamo nè dobbiamo ostacolare alcun progetto. Questo è inaccettabile, dovremmo invece dimostrare i pregi di collaborare con la Russia” ha detto Medvedev in una conferenza stampa, secondo quanto riferisce Interfax.

Il Nabucco è un progetto considerato prioritario dall’Unione europea e sostenuto dagli Usa -anch’essi freschi partner di Baku– che punta a portare ogni anno 30 miliardi di metri cubi di gas dell’area del mar Caspio in Europa, evitando il sistema di trasporti russo. L’Azerbaijan è considerato uno dei più importanti possibili fornitori. Mosca sostiene invece il progetto South Stream, cui partecipano la russa Gazprom e l’italiana Eni, che passerà sotto il Mar Nero collegando Russia e Bulgaria per proseguire nei Balcani verso l’Europa, evitando il transito attraverso la turbolenta Ucraina.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

La morte in fuga di Lev Tolstoj illustrata da Serena Gradari

110 anni fa, all'età di 82 anni, moriva Lev Tolstoj. La storia della sua fuga e della sua morte nel piccolo villaggio di Astapovo, che scossero il mondo intero, è stata illustrata in alcune semplici ma coinvolgenti vignette da Serena Gradari.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com