RUSSIA: Scudo spaziale, parliamone

di Matteo Zola

La Russia ha espresso “sconcerto” per una dichiarazione del segretario di Stato Usa Hillary Clinton secondo la quale la Russia non avrebbe mostrato volontà a discutere dello scudo di difesa antimissilistica con gli Stati Uniti e la Nato. Lo scrive oggi l’agenzia di stampa Interfax, che riporta le dichiarazioni del portavoce del ministero degli Esteri Andrei Nesterenko.

“Si è sconcertati alle accuse di Hillary Clinton che la Russia non sarebbe pronta al dialogo sulle questioni della difesa antimissilistica con gli Usa o la Nato. Stiamo negoziando su questi temi sia su base bilaterale con i nostri partner americani e polacchi sia nel forma del Consiglio Russia-Nato”, ha detto Nesterenko in un comunicato pubblicato sul sito internet del ministero.

“A luglio dello scorso anno – ha continuato – i presidenti della Russia e degli Stati uniti hanno approvato chiare linee guida per tali attività: prima fare un’analisi congiunta dei pericoli missilistici e poi concordare raccomandazioni per possibili reazioni con l’uso prioritari di metodi politici e diplomatici”. Solo se tali metodi dovessero dimostrarsi inefficaci, “gli stati interessati potrebbero prendere misure congiunte tecnico-militari”.

Nesterenko ha detto che apparentemente “la parte americana ha adottato una differente interpretazione dell’accordo presidenziale e ha deciso di andare immediatamente al terzo stadio, sulla base di una propria decisione e non di una decisione congiunta, e ha iniziato a far installare elementi della sua difesa missilistica. I nostri partner americani non ci sanno spiegare perché questo stia accadendo”.

La Russia è “convinta che oggi non esistano minacce missilistiche in Europa tali da rendere necessario il dispiegamento di un sistema di difesa missilistica vicino ai confini russi e che non vi siano minacce simili prevedibili in futuro”.

Fonte: Apicom

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Petrolio

RUSSIA: Il ministro per l’energia Novak risponde agli attacchi al petrolio saudita

Nonostante il forte impatto dell'attacco ad Abqaib sulla produzione mondiale di petrolio, Alexander Novak ha dichiarato che resterà in vigore l'accordo preso ad Abu Dhabi per limitare l'output.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: