CAUCASO: Georgia e Armenia, Hillary sfida il Cremlino

di Matteo Zola

Washington sostiene totalmente l’integrità territoriale della Georgia, e rifiuta l’esistenza di sfere di influenza russe. A Tiblisi, il Segretario di Stato americano, Hillary Clinton, ha voluto rassicurare il presidente Mikahil Saakashvili, in seguito al riavvicinamento tra Stati Uniti e Russia attraverso la politica del reset:  “Continueremo a chiedere alla Russia di rispettare il cessate-il-fuoco dell’agosto 2008 firmato dal presidente Saakashvili e dal presidente Medvedev – ha detto. Il cessate il fuoco include la fine dell’occupazione e il ritiro dei soldati russi dall’Ossezia del Sud e dall’Abkazia sulle loro posizioni pre-conflitto”.

Clinton ha però esortato Tiblisi a rafforzare le proprie istituzioni democratiche nell’ultima tappa di una visita di cinque giorni nella regione dell’ex blocco sovietico. Non solo Georgia però nell’agenda della Clinton che prima di Tblisi si è recata a Yerevan. Al presidente armeno Serge Sarkissian ha detto che è priorità degli Stati Uniti aiutare Armenia e Azerbaigian a concludere un accordo di pace per porre fine al conflitto nel Nagorno Karabakh.

“Porre fine al conflitto –ha detto la Clinton-  è per noi una priorità. Siamo pronti ad aiutare sia Azerbaigian che Armenia nella ricerca e l’applicazione di un accordo di pace durevole. Sappiamo che non sarà facile, ma riteniamo che sia un passo fondamentale, per andare incontro a un futuro nel segno del benessere”.

Regione separatista a maggioranza armena, il Nagorno-Karabakh è rivendicato dall’Azerbaigian dal momento dell’indipendenza, che ha proclamato unilateralmente nel 1991. I tentativi di mediazione di Baku e Yerevan si sono succeduti per anni, senza mai arrivare a un accordo definitivo. A pesare, anche le 30.000 vittime e le centinaia di migliaia di sfollati, provocati dalla sanguinosa guerra che ha portato alla secessione dall’Azerbaigian. Una ferita mai del tutto rimarginata e tornata appena pochi giorni fa a bagnarsi del sangue di 4 soldati armeni e un militare azero, morti in seguito a uno scontro a fuoco.

La Clinton ha poi visitato il monumento in memoria delle vittime del genocidio armeno perpetrato dai turchi, in quell’occasione ha espresso l’auspicio di una più distesa politica tra Yerevan e Ankara.

Il viaggio della Clinton nell’orto di casa russo non sembra potersi dire un successo: all’Ucraina ormai saldamente legata al Cremlino è stato ricordato che “le porte della Nato sono ancora aperte”, peccato che quando a bussare era l’atlantista Yushenko, le ha trovate chiuse. Alla Georgia, lasciata sola nella guerra contro la Russia, è stato detto che gl Stati Uniti “non tollereranno sfere d’influenza russe” nella regione. All’Armenia -necessario passaggio per gli oleodotti del Caspio- si è dato appoggio per il conflitto del Nagorno Karabakh. Al regime di Aliyev in Azerbaijan si è promesso sostegno in cambio di basi militari americane, da impiantare nel Paese utili a una guerra in Afghanistan ben lungi dall’essere conclusa, nonché come deterrente verso Teheran, e di controllo sull’oro nero del Caspio. Infine con la Polonia si è concluso un accordo per lo “scudo spaziale” difensivo che già irrita il Cremlino.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Pillole di filosofia russa/3: Lomonosov, la “prima università russa”

Quando si parla di illuminismo russo non si può non pensare a Michail Lomonosov. Scienziato e pensatore di rilievo, fu definito dal poeta Aleksandr Puškin "la prima università russa" per le sue grandi doti intellettuali che spaziano dalla metallurgia alla linguistica. Non solo contribuì all'avanzamento delle scienze, ma fondò le basi del materialismo in Russia influenzando le future generazioni di filosofi.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com