LETTONIA: Nasce il partito russofono che chiede la secessione

Illogica e utopica: così il presidente lettone Andris Bērziņš commenta l’idea avanzata dal nuovo partito estremista russofonoPar dzimto valodu” di una separazione del Latgale (la regione con forte presenza di comunità russofona) dal resto della Lettonia.

L’idea di una secessione del Latgale dalla Lettonia era stata avanzata dall’attivista russofono Vladimirs Lindermans, lo stesso che aveva organizzato il referendum per il russo  lingua ufficiale in Lettonia.
Proprio in questi giorni si è svolto, più o meno di nascosto dai media, il congresso di costituzione del nuovo partito russofono estremista, “Par dzimto valodu” (Per una lingua madre). Il nuovo soggetto politico nasce dalla fusione del partito di Lindermans, 13.janvāra kustība (Movimento 13 gennaio) con quello di Jevgēņijs Osipovs, altro attivista russofono impegnatosi nell’organizzazione del referendum sul russo lingua ufficiale. “La formazione di questo nuovo partito ha già ha già fatto nascere i più strani dei miracoli”, ha commentato il presidente lettone Bērziņš coi giornalisti che gli chiedevano un parere sulla nascita di “Par dzimto valodu“  e la sua proposta di separazione del Latgale dalla Lettonia.

E’ stato il programma Nekā personīgadi TV3 a scoprire l’organizzazione del congresso di formazione del nuovo partito estremista russo, che Lindermans e Osipovs hanno cercato di formare senza darne pubblicità sui media, in un ufficio in Vecriga, la città vecchia all’interno della capitale lettone.

Al congresso costitutivo di “Par dzimto valodu” hanno partecipato un’ottantina di fedelissimi attivisti russofoni, provenienti in maggioranza da Daugavpils, il capoluogo del Latgale, regione che registra la più alta presenza della comunità russofona del paese.

Vladimirs Lindermans, Jevgēņijs Osipovs e il giurista Illarions Girss sono i leader della nuova formazione partitica che nel panorama politico lettone dovrebbe prendere posto all’estrema sinistra, per attirare il consenso della parte più radicale della popolazione russofona in Lettonia. Fra gli obiettivi del nuovo partito russofono ci sono la partecipazione alle elezioni amministrative del 2013 in Lettonia, la raccolta di firme per la concessione della cittadinanza lettone ai non cittadini, e la raccolta di firme per la richiesta di scioglimento del parlamento attualmente in carica.

Foto Diena Tv

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

LETTONIA: Dal 2020 smetteranno di nascere nuovi “non-cittadini” post-sovietici

Lo scorso 17 ottobre, il parlamento ha approvato una legge storica che prevede l'attribuzione automatica della cittadinanza lettone ai bambini e alle bambine che nasceranno da genitori aventi lo status di "non-cittadini". Un piccolo passo avanti verso la piena integrazione della società lettone post-sovietica.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: