RUSSIA: South Stream, Gazprom ed Eni chiamano Sarkozy

Eni e Gazprom hanno sottoscritto un memorandum of understanding che consentira’ l’ingresso di EDF (Electricité de France) nella società che realizzera’ il gasdotto South Stream. Lo ha annunciato il Cane a Sei Zampe in una nota senza precisare quale sarà la quota di partecipazione della società francese nella joint-venture italo-russa che costruirà l’infrastruttura per attraversare il mar Nero e portare il gas in Europa.

L’accordo, spiega Eni, ”é stato raggiunto oggi a San Pietroburgo in occasione dell’International Economic Forum e sarà ratificato domani nel summit tra il Presidente della Federazione Russa Dimitri Medvedev e quello della Repubblica francese Nicolas Sarkozy’‘. L’intesa poi conferma: ”tra l’altro, gli accordi sui volumi di gas che Gazprom fornirà a Eni attraverso il gasdotto South Stream e che l’azienda italiana venderà sui mercati europei”.

Fonte: Asca

Per saperne di più leggi alla voce “Strategie energetiche”

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

RUSSIA: Riforma costituzionale e dimissioni del governo. Cosa c’è sotto?

Putin cerca di preservare il potere? Una riflessione sul significato delle dimissioni del governo russo e della riforma costituzionale...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: