RUSSIA: Il Cremlino contesta la condanna di Viktor Bout, il trafficante di morte. Storia di un mito criminale

di Matteo Zola

Ha rifornito tutti, nemici dei nemici, alimentando scontri, guerre e violenze senza fine. Conflitti che si avvitavano su sé stessi in dogliose spire di morte. Un mostro degli affari illeciti, precursore di qualsiasi globalizzazione criminale. Il suo nome è Viktor Anatolyevich  Bout, classe 1967, tagiko di nascita e post-sovietico di passaporto. Già capo del Kgb, è con la caduta del regime comunista che inizia la carriera di Bout, trafficante d’armi transnazionale, definito “il mercante di morte“, epiteto cucitogli addosso da Peter Hain, ex ministro degli Esteri britannico. Colto, raffinato, intelligente, ha trafficato armi dall’ex blocco comunista (specialmente Moldavia, Ucraina, Bulgaria) agli scenari di guerra di mezzo mondo: Angola, Liberia, Congo, fino ad armare le Farc colombiane e, si dice, al-Qaeda. Nel 2008, Viktor Bout venne arrestato in Thailandia ed estradato negli Stati Uniti due anni più tardi dove è stato condannato a 25 anni di carcere. Condanna confermata pochi giorni fa da una corte federale di New York e – udite udite – fortemente criticata dalla Russia.

Un personaggio da romanzo

Dopo l’implosione dell’impero sovietico tutte le armi stoccate dall’Armata Rossa per scatenare la terza guerra mondiale si sono trasformate in un lucroso business. Bout coglie l’occasione. Si trova in Angola, dove è in corso una guerra civile che nasconde gli interessi geopolitici di Stati Uniti ed Urss, e comprende in fretta i cambiamenti in corso nella politica internazionale. Acquista per pochi soldi i suoi primi aerei, due Antonov prossimi alla demolizione, e assolda ex-piloti russi disoccupati. Ufficialmente trasporta fiori, pollame surgelato, aspirapolveri, in realtà traffica armi. La sua compagnia area, Air Cess, apre quattro filiali in Africa. E’ grazie a lui che il kalashnikov Ak-47 diventa il principale prodotto d’esportazione dall’ex Urss.

Bout è abile a sfruttare la corruzione dei funzionari e aggira facilmente ogni divieto, ogni embargo. Le sue armi arrivano in Angola dove, nella sua generosità d’animo, non manca di rifornire entrambe le parti in conflitto. I suoi aerei trasportano in salvo l’allora dittatore zairese, Mobutu Sese Seko, mentre Ahmad Shah Massoud (poi premio Nobel per la pace) riceveva casse di proiettili paracadutate durante il conflitto contro i talebani afghani negli anni Novanta.

Secondo l’Onu sarebbe stato in affari con l’ex presidente liberiano Charles Taylor, che è in attesa di giudizio con l’accusa di crimini di guerra. Bout avrebbe fornito armi a Taylor, impegnato a destabilizzare la Sierra Leone, e in cambio avrebbe ricevuto diamanti.

Soprannominato “il Bill Gates dei traffici” (epiteto meno noto dell’attuale), Bout era al servizio del miglior offerente. E una volta, ad offrire di più, furono i francesi impegnati, nel 1994, nella guerra in Ruanda: fu quello il conflitto del più grande genocidio africano, dello scontro etnico tra Hutu e Tutsi, dei campi profughi pieni di genocidiari su cui versarono lacrime stolte le pubbliche opinioni occidentali. Insomma, fu quello il più grande affare di Bout che inondò di armi la regione dei Grandi Laghi facendo così la sua parte nella spirale di violenza che portò alle due guerre (dette “mondiali”) del Congo. Proprio nella Repubblica democratica del Congo rifornì miliziani, ribelli, esercito regolare, partecipando al traffico di risorse minerarie. Poi fu la volta dell’Iraq: anche qui c’era bisogno di far affluire armi per combattere i ba’athisti, prima, e i mullah sciiti poi. Gli Stati Uniti seppero sempre a chi rivolgersi. Certo, se Washington ha un difetto è quello di pretendere sempre l’esclusiva. Così, quando Bout si mise in affari con le Farc colombiane, la Dea americana gli si mise alle costole.

Nel 2007 è stato visto sbarcare alle Hawaii, con regolare camicia a fiori, dal suo yacht privato. Ma le leggende si sprecano, specie da quando Bout è diventato un mito hollywoodiano impersonato da Nicolas Cage nel film “Lord of war”. Cinico e borioso, il personaggio di Cage è “pura fiction”, almeno per la moglie Alla (ex-modella moscovita) e la figlia Liza, diciassette anni, di cui quattro passati con papà dietro le sbarre.

 L’arresto e la condanna

Nel 2002, ricercato dall’Interpol, Bout lascia il Belgio e si suppone che con diversi pseudonimi abbia attraversato paesi come gli Emirati Arabi Uniti e il Sud Africa prima di dar nuova traccia di sé in Russia nel 2003. Nel 2008 si trova in Thailandia. Qui agenti della Drug Enforcement Agency (Dea) si fingono emissari delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) intenzionati ad acquistare armi per la propria organizzazione ritenuta dagli Stati Uniti un’organizzazione terroristica. La trappola scatta, Bout è arrestato. L’accusa è di aver accettato di fornire missili anti-aerei alle Farc. Dal momento che gli Stati Uniti aiutano il governo della Colombia a combattere le Farc, per Bout è scattato il reato di cospirazione per uccidere cittadini e funzionari degli Stati Uniti. La condanna a 25 anni di reclusione è stata confermata il 5 aprile scorso. La parabola del mercante di morte sembra giunta al termine.

La Russia però non ci sta

Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ha accusato gli Stati Uniti di aver emesso una sentenza politica “senza fondamento e prevenuta” e ha promesso di fare tutto il possibile per riportarlo in Russia. Bout dal canto suo continua dichiararsi innocente : “Non sono colpevole, non ho mai voluto uccidere nessuno e non ho mai avuto intenzione di vendere armi a qualcuno. Dio sa che è la verità”. Da lassù l’Altissimo tace. Pare si appelli al quinto emendamento ma alcuni già lo accusano di connivenza.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

RUSSIA: Le elezioni in tempo di avvelenamenti e proteste riscattano in parte il caso Naval’nyj

Mentre Naval'nyj è ancora ricoverato a Berlino, membri del suo staff sono stati eletti in Siberia. In generale però i risultati, al lordo di infrazioni di vario ordine, riconfermano la linea governativa.

4 commenti

  1. claudio vito buttazzo

    iO A TUTTA QUESTA STORIA CI CREDO POCO, SOPRATTUTTO E CI SONO DI MEZZO GLI USA. E POI: L’ URSS VOLEVA SCATENARE LA TERZA GUERRA MONDIALE? E’ LA PRIMA VOLTA CHE LO SENTO.

    • Bonaiti Emilio

      Una volta tanto sono d’accordo con Claudio. Né gli Stati Uniti né l’Unione Sovietica avevano intenzione di scatenare la terza guerra mondiale che, alla luce degli armamenti atomici, avrebbe causato la fine della civilità, limitandosi prudentermente a guerre per procura.. Quanto alle FARC mi piacerebbe sapere se le Nazioni Unite hanno stilato una lista delle organizzazioni terroristiche.

      • claudio vito buttazzo

        Quando mai l’Onu ha classificato le Farc tra i gruppi terroristici? A classificarle come tali sono solo i governi di Usa, Canada, Cile, Nuova Zelanda e l’Unione Europea. Si tratta di quegli stessi governi che definiscono terrorista Hamas, ma non Israele, tanto per evidenziare la loro imparzialità. E, soprattutto, non considerano terroristi se stessi con le loro aggressioni a mezzo mondo e lo sterminio di civili in Libia, Iraq, Afghanista,ecc. Le Farc combattono contro un governo fascista e massacratore di poveri contadini foraggiato e sostenuto dagli Usa, che sono presenti in Colombia con propri soldati, consiglieri militari,
        contractors, spie e provocatori vari.
        L’Urss ha sostenuto le lotte di liberazione dei popoli dal colonialismo. E questo è un suo merito incancellabile.
        I vincitori riscrivono la storia. Ma i vincitori, in questo caso, hanno in tasca solo una vittoria di Pirro. Il mondo sta rapidamente cambiando. Le notizie he giungono oggi dall’Afghanistan segnano l’incipiente sconfitta su tutta la linea dell’impero atlantico.

        • Bonaiti Emilio

          Caro Vito, se fossi un uomo malvagio ti augurerei di vivere nell’Afghanistan dopo “l’incipiente sconfitta” dell’impero atrlantico,

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com