crisi

UNGHERIA: La crisi che verrà

di Áron Varga, Heinrich Boell Stiftung, 28 luglio 2022

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha chiaramente imparato molte lezioni cruciali dalla sconfitta dei suoi oppositori politici nel 2010. Una di queste lezioni è che i leader del paese, non importa quanto grave sia la situazione economica, dovrebbero evitare misure di austerità direttamente rivolte al loro nucleo centrale, gli elettori a medio reddito medio.

A tal fine, Orbán e Fidesz hanno sviluppato una formula aurea che ha funzionato con successo negli ultimi 12 anni: ogni volta che il governo aveva bisogno di entrate extra, imponeva o aumentava le tasse alle società di servizi pubblici. Queste società trasferivano invariabilmente quegli aumenti delle tasse ai consumatori, e quindi il governo tassava principalmente i consumi piuttosto che il reddito, con molti elettori chiaramente convinti da questo approccio populista, in particolare dopo aver vissuto le lezioncine di neoliberismo del governo socialista-liberale del 2006-2010.

Dopo le elezioni di aprile di quest’anno, il nuovo governo Orbán ha rapidamente annunciato tagli alla spesa e 6 miliardi di euro in tasse straordinarie, principalmente per le grandi aziende. Tuttavia, sembra che ciò non sia stato sufficiente per equilibrare il bilancio. Nelle ultime settimane, il quinto governo guidato da Orbán è stato costretto ad abbandonare la sua politica di grande successo di evitare misure dirette di austerità: nell’arco di meno di dieci giorni, il governo ha aumentato in modo significativo le tasse a centinaia di migliaia di piccole imprese e ai lavoratori autonomi, ha annunciato una forte riduzione del numero di dipendenti del settore pubblico e, soprattutto, ha svelato un aumento senza precedenti dei prezzi del gas e dell’elettricità residenziali.

Qualsiasi “consumo superiore alla media” di elettricità da parte delle famiglie comporterà il raddoppio del suo costo al mese, con consumi da pagare a “prezzi del mercato residenziale”, mentre i prezzi del consumo di gas delle famiglie vedranno un aumento di oltre sette volte se il gas viene consumato al di sopra del livello medio per famiglia fissato dal Governo.

Si tratta di uno sviluppo importante in un paese con un salario medio mensile di circa 950 euro, un salario mediano di 650 euro e una carenza di alloggi moderni e isolati: centinaia di migliaia di persone non potranno pagare le bollette del gas quest’inverno, che potrebbero oscillare tra 300 e 600 euro. Anche se il governo imponesse una moratoria sul distacco del gas per i mesi invernali come previsto, con queste misure di austerità e un tasso di inflazione superiore al 10%, una percentuale significativa della popolazione ungherese affrontare una grave crisi del costo della vita.

La riduzione delle agevolazioni fiscali per le piccole imprese ha già innescato alcune proteste in tutto il paese, ma i manifestanti erano per lo più tra la classe media liberale urbana, cioè non tra gli elettori tradizionali di Fidesz. Tuttavia, coloro che subiranno maggiormente l’aumento dei prezzi dell’energia sono le popolazioni rurali che vivono in case unifamiliari, ovvero la base elettorale principale di Fidesz. Il taglio dei costi delle utenze domestiche (“rezsicsökkentés“) era un tempo la politica di punta del governo, una misura che ha deciso le elezioni del 2016. Inoltre, mantenere bassi i prezzi dei servizi pubblici è stata la promessa elettorale più importante di Fidesz nella campagna più recente: rinnegare questa politica è un dietrofront politico evidente per Orbán. Per questo motivo, Fidesz sta cercando di proteggere alcuni gruppi elettorali fondamentali dall’intera portata degli aumenti dei prezzi.

Un’importante questione politica è chi incolperà il popolo ungherese per questa situazione. In realtà, il governo guidato da Fidesz non può essere incolpato dell’inflazione causata dall’invasione russa dell’Ucraina o dall’interruzione delle catene di approvvigionamento globali. Tuttavia, il governo ha speso miliardi di euro durante la campagna elettorale di Fidesz del 2022 per misure di welfare, pienamente consapevole che questi soldi avrebbero dovuto essere rimborsati dopo le elezioni.

Il governo ora incolpa la guerra in Ucraina per queste difficoltà economiche (usando il termine “inflazione di guerra“) e critica la “sinistra internazionale” così come gli Stati Uniti e l’Unione Europea per aver imposto sanzioni alla Russia. L’opposizione, d’altra parte, sottolinea il fatto che l’inflazione è iniziata ben prima della guerra ed è stata esacerbata dalla spesa eccessiva di Fidesz.

Se guardiamo agli eventi politici degli ultimi anni, possiamo essere sicuri che la narrativa del governo vincerà, ma allo stesso tempo è difficile presumere che milioni di persone incolperebbero l’opposizione e la sinistra internazionale per bollette che non possono permettersi di pagare.

Lo scenario migliore per il governo sarebbe quello di raggiungere un rapido accordo con gli organi competenti dell’UE sul Recovery Fund e utilizzare quei soldi per coprire le spese delle famiglie del paese fino alla fine della guerra in Ucraina. Per raggiungere questo obiettivo, il governo è pronto a fare concessioni all’UE sullo stato di diritto. Sebbene l’Ungheria si aspetti circa 5,9 miliardi di euro dal Fondo europeo per la ripresa e lo sviluppo, non è ancora chiaro come tali fondi potrebbero essere utilizzati per aiutare le famiglie e per quanto tempo sarebbero sufficienti per compensare l’aumento dei prezzi dell’energia.

Nell’ultimo decennio, i partiti di opposizione ungheresi non sono riusciti a offrire un’alternativa credibile a Orbán , che ha abilmente sfruttato la situazione economica per plasmare il sistema politico interno. In assenza di questo scenario migliore, ci aspettiamo che Fidesz perda una quantità significativa di sostegno entro la fine dell’anno, anche nel suo gruppo di elettori principali. A causa della debolezza dell’opposizione e della maggioranza costituzionale di due terzi di Fidesz, tuttavia, è improbabile che il governo cada. Nel prossimo futuro, però, vedremo qualcosa di senza precedenti: Orbán che governa il Paese durante una vera crisi economica. C’è la netta possibilità che possano emergere nuovi movimenti di opposizione, il che è essenziale per rendere nuovamente competitivo il sistema politico ungherese.

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

UNGHERIA: Licenziato il direttore del museo nazionale

Il ministro ungherese della cultura e dell’innovazione Janos Csak ha sollevato dal suo incarico Laszlo Simon, direttore del Museo Nazionale

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com