CROAZIA: Benvenuta nell'Unione

E la Croazia è il ventottesimo Paese membro dell’Unione Europea. Dopo un lungo e travagliato percorso di adesione finalmente Zagabria si è decisa lasciandosi alle spalle, con il referendum di ieri, i fantasmi del nazionalismoI croati, chiamati a votare sulla ratifica dell’adesione all’Unione, hanno detto “sì” al 66% (il referendum non aveva un quorum). L’astensione è stata del 44%, un dato da non sopravvalutare. E’ “un chiaro segnale per tutta la regione sudorientale dell’Europa” hanno dichiarato i presidenti della Commissione e del Consiglio dell’Unione, José Manuel Barroso e Herman Van Rompuy, in un comunicato congiunto dopo il referendum di ieri in Croazia. Il riferimento, neanche troppo velato, sembra alla Serbia che, chiusa nei suoi deliri kosovari, si allontana sempre di più dall’Europa.

Da domani c’è la crisi economica da affrontare, la disoccupazione, la produttività al palo. Ma Zagabria non sarà più sola, almeno si spera, se l’Unione (ri)troverà quella necessaria solidarietà che sola può risollevare il continente.

Del lungo e difficile percorso di adesione croato, e delle sue contraddizioni, abbiamo scritto qui, a firma di Nicolò de Fanti:

La lunga strada verso l’Unione Europea /1 – Dall’indipendenza al primo governo Sanader (1990-2003)

La lunga strada verso l’Unione Europea /2 – Da Sanader all’adesione (2003-2012)

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Zagabria

CROAZIA: Zagabria dice “no” al nuovo Piano Urbanistico Generale

L'Assemblea di Zagabria boccia il Piano Urbanistico Generale, basato su privatizzazione e cementificazione. L'inizio della fine per il sindaco Milan Bandic?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: