Una settimana di cinema del “Nuovo Est” nel festival online di Calvert Journal

Il magazine The Calvert Journal si appresta a inaugurare la prima edizione del suo festival online dedicato al grande cinema dell’Europa orientale, dei Balcani e dell’Asia Centrale. La rivista online londinese, gestita dalla fondazione Calvert 22, si occupa di coprire la cultura e la creatività del “Nuovo Est” del mondo, dalla Slovenia al Kazakistan, proponendo un mix quotidiano di articoli di approfondimento, interviste, servizi fotografici e videoreportage.

Il Calvert Journal Film Festival inizierà lunedi 12 ottobre e si chiuderà domenica 18. I film disponibili saranno sette e saranno tutti accessibili dall’Italia e dal resto del mondo, con l’eccezione di Hosthot di Natasza Parzymies (non disponibile per lo streaming nelle Americhe, in Asia, Germania, Spagna, Francia, Portogallo, Olanda e Belgio). Ogni film sarà presente per 24 ore sul sito calvertjournal.com e trasmesso in lingua originale con sottotitoli in inglese.

Il programma del festival include alcuni dei migliori titoli del cinema est-europeo e dell’Asia Centrale della passata stagione cinematografica. L’evento si aprirà il 12 con Waiting for the Sea, cortometraggio documentario del regista  uzbeko-statunitense George Itzhak, il quale sarà anche intervistato sul canale Instagram ufficiale della rivista alle 20:00 (ora italiana). Seguiranno nel corso della settimana il dramma familare Have the Night, il road movie georgiano Parade, il kazako Mariam, lo sloveno Half-Sister, il cortometraggio polacco Hotshot e, infine, il documentario bulgaro The Pit.

Per maggiori informazioni sul programma e sulle trame dei titoli proposti, si rimanda al sito ufficiale del Calvert Journal Film Festival.

 

Immagine: The Calvert Journal/official

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

prigioniero di orban

UNGHERIA: Il compleanno di Armin, prigioniero di Orban

L'undicenne Armin, assieme al padre iraniano Abouzar Soltani, è prigioniero di Orban, bloccato nella "zona di transito" al confine tra Serbia e Ungheria. Un cortometraggio, presentato a vari festival internazionali, ne racconta la storia.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com