NAGORNO-KARABAKH: Raggiunto un accordo per il cessate il fuoco

Armenia e Azerbaigian hanno raggiunto  questa notte un accordo per il cessate il fuoco umanitario che entrerà in atto dalle 12 di oggi. L’accordo è stato siglato a Mosca, dopo dieci ore di negoziati tra il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, e i corrispettivi armeno e azero, Zohrab Mnatsakanyan e Jeyhun Bayramov. Il cessate il fuoco dovrebbe mettere una conclusione ai combattimenti che dal 27 settembre imperversano sulla linea di contatto tra l’Azerbaigian e la repubblica de facto del Nagorno-Karabakh.

Cronache di guerra dal Nagorno-Karabakh. Tutti i nostri articoli

Le clausole dell’accordo

In una breve dichiarazione alla stampa, Lavrov ha annunciato che il cessate il fuoco permetterà lo scambio di prigionieri e dei corpi dei caduti tra le parti e sarà seguito da negoziati più sostanziali per definirne più concretamente le modalità. Armenia e Azerbaigian si sono anche impegnati a continuare il dialogo attraverso il gruppo di Minsk dell’OSCE, l’ente internazionale preposto alla risoluzione del conflitto che è stato, quindi, confermato come lo strumento negoziale principale.

Gli interrogativi 

I tredici giorni di scontri hanno causato, ufficialmente, la morte di 50 civili – 31 azeri e 19 armeni – e 376 soldati armeni, mentre Baku non ha comunicato il numero dei propri militari caduti. Tanti i centri abitati finiti sotto i bombardamenti, su tutti Stepanakert, capitale de facto del Nagorno-Karabakh, ma anche Ganja, Aghjabadi, Tartar, Goranboy, Aghdam e Barda in Azerbaigian.

Per gli abitanti della regione il cessate il fuoco rappresenterebbe la fine di un incubo, quello di perdere un proprio caro o di vedere la propria abitazione colpita da un bombardamento. Rimangono, però, numerosi gli interrogativi riguardo alla tregua, in particolare se verrà effettivamente rispettata e quanto durerà.

Diversi i dubbi anche sul futuro dei negoziati, se questo accordo sembrerebbe una vittoria diplomatica per il Cremlino, resta da vedere se Mosca avrà l’intenzione o la forza di indurre le parti a trovare una risoluzione permanente al conflitto. Da studiare il ruolo della Turchia che mai come in questi giorni si era mostrata propensa ad intervenire nel Caucaso e che aveva aspramente criticato il processo negoziale promosso dall’OSCE. Infine, Francia, Russia e Stati Uniti, i tre co-presidenti del gruppo di Minsk, dovranno trovare una comunità di intenti mai vista fin’ora per ridare slancio ai negoziati.

Immagine: Reuters

Chi è Alessio Saburtalo

Alessio Saburtalo è uno pseudonimo. L'autore che vi si cela si occupa principalmente di Caucaso con sporadici sconfinamenti in Russia e Asia Centrale. Saburtalo è un quartiere di Tbilisi.

Leggi anche

NAGORNO-KARABAKH: Un nuovo cessate il fuoco, un altro buco nell’acqua

Sabato è stato annunciato un nuovo cessate il fuoco tra Armenia e Azerbaigian. Purtroppo, però, la tregua è durata solo pochi minuti, i combattimenti in Nagorno-Karabakh continuano e la situazione umanitaria si fa sempre più grave...

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com