ELEZIONI RUSSIA / 3 – Intimidazioni vecchio stile, quando il potere non vuole cani da guardia

di Giovanni Bensi

da Mosca – In Russia il potere non ama coloro che lo tengono d’occhio e documentano le irregolarità che esso commette durante le elezioni. La televisione di stato NTV, nell’ambito del programma Črezvyčajnoje proisšestvie (“Un fatto straordinario”) ha mostrato il film Golos niotkuda (“Una voce dal nulla”) nel quale con toni e terminologia simili a quelli usati un tempo dal KGB, ha attaccato l’associazione Golos (“La Voce”, ma anche “Il Voto”) che si occupa del monitoraggio delle elezioni in Russia. Per circa 25 minuti ai telespettatori è stato raccontato che Golos è finanziato dagli americani, “in pratica” appoggia l’opposizione” e “falsifica le osservazioni sul voto”. Gli autori del film affermano che l’associazione Golos è un “agente di influenza” degli USA che “tradizionalmente si oppongono al potere esistente” in Russia e “cercano di presentare le elezioni in Russia come illegittime”.

Nel film sono anche riprese scene che si riferiscono al seminario per i volontari di Golos, tenuto dalla dirigente dell’associazione Lilija Shibanova, e un’intervista del coordinatore della filiale di Golos nel Gorno-Altaj, Vladimir Petrov. Il principale progetto di Golos, “La carta delle violazioni”, che documenta irregolarità elettorali, soprattutto di “Russia Unita”, è stato bollato dall’NTV come “una massa di dati non confermati, comici e curiosi, perfino assurdi”.

L’attività di Golos viene commentata criticamente nel film, fra gli altri, dal presidente della casa editrice delle Izvestija, Vladimir Mamontov, dal deputato della Duma per “Russia Unita” Sergej Markov e dal politologo Dmitrij Orlov il quale afferma che Golos appositamente ignora le violazioni commesse dall’opposizione, esagerando invece quelle del “partito del potere”. Il film si conclude con un frammento sul congresso di “Russia Unita” in cui viene mostrato il discorso di Vladimir Putin che attacca “alcuni rappresentanti di stati esteri” i quali, con l’appoggio di “traditori alla Giuda”, cercano di influenzare l’esito delle elezioni in Russia.

La settimana scorsa l’associazione Golos aveva ricevuto un “ammonimento” dalla procura per “violazione della legislazione elettorale” e un’accusa dalla Commissione elettorale centrale per “propaganda contro Russia Unita”. Oltre all’NTV materiali critici contro Golos sono stati pubblicati da altri media di stato, come l’agenzia RIA-Novosti e la Rossijskaja gazeta.

Chi è Giovanni Bensi

Nato a Piacenza nel 1938, giornalista, ha studiato lingua e letteratura russa all'Università "Ca' Foscari" di Venezia e all'Università "Lomonosov" di Mosca. Dal 1964 è redattore del quotidiano "L'Italia" e collaboratore di diverse pubblicazioni. Dal 1972 è redattore e poi commentatore capo della redazione in lingua russa della radio americana "Radio Free Europe/Radio Liberty" prima a Monaco di Baviera e poi a Praga. Dal 1991 è corrispondente per la Russia e la CSI del quotidiano "Avvenire" di Milano. Collabora con il quotidiano russo "Nezavisimaja gazeta”. Autore di: "Le religioni dell’Azerbaigian”, "Allah contro Gorbaciov”, "L’Afghanistan in lotta”, "La Cecenia e la polveriera del Caucaso”. E' un esperto di questioni religiose, soprattutto dell'Islam nei territori dell'ex URSS.

Leggi anche

Mosca manifestazione 23 giugno

RUSSIA: Proteste contro le falsificazioni della polizia

Il 23 giugno hanno manifestato a Mosca circa 2000 persone con lo scopo di denunciare le accuse infondate a danno di giornalisti e attivisti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: