UCRAINA: Timoshenko malata, ma resta in carcere

di Matteo Zola

La Corte d’appello di Kiev, riunita oggi in udienza preliminare, ha respinto la richiesta di scarcerazione dell’ex primo ministro Yulia Timoshenko, avanzata dalla sua difesa per motivi di salute, e ha stabilito che il processo d’appello può essere tenuto senza riaprire i termini dell’inchiesta, fissando la prima udienza per il 13 dicembre. Lo riferiscono le agenzie di stampa Ria Novosti e Interfax.

I legali della Timoshenko, condannata in primo grado a sette anni e mezzo di carcere per abuso di potere in seguito a un’inchiesta sui contratti per il gas firmati con la Russia mentre era premier, hanno dato vita in aula a una battaglia procedurale, chiedendo sia lo stop per il processo, sia la liberazione della loro assistita, assente in aula e ricoverata nell’infermeria del carcere in cui è detenuta da due giorni.

Quella della malattia può essere l’ultima carta in mano agli avvocati della “zarina del gas” per tirarla fuori di cella mobilitando l’indignazione dell’opinione pubblicia internazionale. In un contesto di estrema tribolazione, però, i governi, i media e le popolazioni del vecchio continente sembrano appassionarsi poco al caso Timoshenko. L’ex premier e leader d’opposizione, in prigione dallo scorso agosto, soffre di forti dolori alla schiena ma il ministero della Salute ucraino, che nei giorni scorsi ha permesso che Timoshenko fosse visitata in un ospedale di Kiev, afferma che la detenuta non soffre di alcuna patologia grave.

Resta grave il fatto che, indipendentemente dall’onestà della Timoshenko, quello che sta andando in scena in Ucraina è un processo politico che mina alle basi le già scarse possibilità di sviluppo democratico del paese.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra" e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015).

Leggi anche

CINEMA: Cannes – Pamfir, l’eroe senza tempo

Su Pamfir, film di debutto del regista ucraino Dmytro Sukholytkyy-Sobchuk, si può affermare immediatamente che è uno dei più incredibili e sorprendenti film dell'intero festival di Cannes.

2 commenti

  1. claudio vito buttazzo

    La Timoshenko, miliardaria, mafiosa, agente della Cia, supporter della Nato e della guerre per la “democrazia”, oltre che delle rivoluzioni (?) arancione, si finge malata e perseguitata. Sono proprio addolorato….

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: