ALBANIA: Scosse di terremoto, almeno sei vittime

Forti scosse di terremoto hanno colpito nella notte l’Albania.  Il bilancio, ancora non definitivo, è di almeno sei morti e centocinquanta feriti. A Tirana, dove sono crollati alcuni palazzi, la gente è scesa in strada in preda al panico. Non si contano i dispersi.

La scossa di questa notte, registrata intorno alle tre di notte, è stata di magnitudo 6.4 e si è avvertita in tutta la regione balcanica, in Kosovo, Macedonia fino a Sarajevo. Uno sciame sismico di cinquanta scosse ha fatto tremare il paese per tutta la notte. In mattinata una seconda scossa, di magnitudo 5.4, ha nuovamente fatto tremare il paese rendendo ancor più tragica la situazione e rendendo più difficili i soccorsi. I soccorritori delle unità militari e della protezione civile hanno scavato anche a mani nude, in assenza di elettricità a causa del black-out causato dal terremoto.

L’epicentro della scossa si colloca tra Tirana e Durazzo, nel nord del paese, con ipocentro a dieci chilometri di profondità. Una scossa di terremoto aveva già colpito il paese lo scorso 21 settembre senza causare vittime. Il bilancio della scossa della scorsa notte è destinato ad aggravarsi nelle prossime ore.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

albanesi ebrei

Un monumento agli albanesi che salvarono gli ebrei, storia di una parola magica

A Tirana è stato inaugurato un memoriale per commemorare il popolo albanese che, durante l'occupazione nazista, diede protezione agli ebrei che avevano cercato rifugio nel paese. Un gesto di umanità che fonda le sue radici nel codice etico definito dalla parola "besa"

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com