CAUCASO: Caso Mkhitaryan, tra sport e politica

Difficilmente la situazione politica nel Caucaso riceve l’attenzione della stampa italiana e internazionale. Ci voleva una partita di calcio perchè le cose cambiassero e persino sui giornali sportivi si scrivesse del conflitto irrisolto in Nagorno-Karabakh. Lo scorso 21 maggio, il giocatore armeno dell’Arsenal, Henrikh Mkhitaryan, ha annunciato, con un comunicato su Twitter, che non si sarebbe unito alla squadra nella trasferta di Baku, dove mercoledì prossimo si terrà la finale di Europa League.

Secondo quanto riportato dalla BBC, la scelta di Mkhitaryan è legata a timori per la sua sicurezza personale, considerata la situazione di tensione tra Armenia e Azerbaigian. Nonostante non sia la prima volta che il giocatore armeno rinunci a giocare in territorio azero, l’importanza della partita del 29 maggio ha dato alla notizia una grande eco mediatica, scatenando un vespaio di reazioni e polemiche nel Caucaso e non solo.

In Armenia, dove Mkhitaryan è, senza dubbio, lo sportivo più popolare e in molti seguono le partite dell’Arsenal solo per la sua presenza, non tutti concordano con la posizione che ha preso. Secondo i suoi detrattori, se altri atleti armeni, senza la fama del tesserato dell’Arsenal, hanno preso parte a gare internazionali organizzate in Azerbaigian nel recente passato, i timori per la sicurezza non sussistono. Altri sostengono la scelta di Mkhitaryan, ma spiegano che il giocatore avrebbe dovuto rinunciare a giocare per protestare contro la politica di chiusura dei confini che Baku applica nei confronti degli armeni.

Con una commistione di sport e cultura così forte, le istituzioni non potevano rimanere in silenzio. Anna Naghdalyan, portavoce del Ministero degli Esteri, ha dichiarato che Erevan avrebbe sostenuto Mkhitaryan se anche avesse deciso di giocare la partita. La rappresentante del governo ha colto l’occasione per criticare l’Azerbaigian per non aver dimostrato “quanto stia facendo per la pace”.

Al contempo, Baku si è difesa, spiegando di aver garantito ufficialmente la sicurezza del giocatore. Diversi membri delle istituzioni hanno condannato i media inglesi di orientalismo per il modo in cui hanno descritto l’Azerbaigian dopo che è scoppiato il caso. Anche la giornalista di opposizione Khadija Ismayilova della quale  abbiamo scritto di recente– ha usato parole durissime nei confronti di Mkhitaryan, accusandolo di razzismo per aver sfruttato la situazione per presentare, agli occhi del mondo, gli azeri come dei selvaggi pronti ad ammazzare gli stranieri.

A livello regionale, lo scambio di accuse e controaccuse non è una novità e dimostra, ulteriormente, quanto sia lontana  una prospettiva di pace tra i due vicini nel Caucaso del Sud. È interessante, piuttosto, notare il danno d’immagine che il caso ha causato all’Azerbaigian. Da quando Mkhitaryan ha comunicato la sua decisione, sulla stampa inglese, le analisi tattiche della partita sono state messe in secondo piano da articoli che parlano della situazione dei diritti umani nel paese e criticano la scelta di Baku come sede della finale. Tutto questo, mentre le istituzioni azere, da diversi anni, investono milioni di euro per promuoversi a livello internazionale. Ospitare eventi sportivi costituisce la chiave di volta di questa iniziativa. Nel 2015, l’Azerbaigian è stato sede della prima edizione dei Giochi europei, una sorta di olimpiade continentale, mentre dal 2016 il Gran Premio di Baku è una tappa fissa del mondiale di Formula 1. Per quanto riguarda il calcio, oltre alla finale di Europa League, nel 2020 la città ospiterà quattro partite degli Europei, competizione sponsorizzata dalla SOCAR, l’azienda petrolifera nazionale.

La campagna promozionale è riuscita  nell’intento di “mettere sulla carta del mondo” l’Azerbaigian che, come altri paesi dello spazio post-sovietico, è quasi completamente sconosciuto al grande pubblico. Il caso Mkhitaryan dimostra, però, quanto la visibilità mediatica rappresenti un’arma a doppio taglio; da tempo, infatti, anche le contraddizioni e le criticità del  paese sono finite sotto gli occhi della stampa internazionale.

Immagine: BBC

Chi è Aleksej Tilman

Attualmente vive a Bruxelles. È nato nel 1991 a Milano dove ha studiato relazioni internazionali all'Università statale. Ha vissuto due anni a Tbilisi, lavorando e specializzandosi sulle dinamiche politiche e sociali dell'area caucasica all'Università Ivane Javakhishvili. Parla inglese, russo e conosce basi di georgiano e francese.

Leggi anche

ARMENIA: La Vittoria, il Karabakh, la pace. Il 9 maggio a Erevan

Il 9 maggio in Armenia è una data dal triplice significato: come in altri paesi post-sovietici, gli armeni commemorano la vittoria sul nazifascismo nella Seconda Guerra Mondiale, ma anche alcuni eventi decisivi della guerra nel Nagorno-Karabakh, consumatasi dopo il crollo dell'URSS. Un reportage dalle celebrazioni di quest'anno a Erevan.

Privacy Preference Center