UCRAINA: Sventato attacco dei servizi segreti russi

Venerdì 22 marzo i servizi di sicurezza ucraini hanno sventato un attacco terroristico nella metro di Charkiv, la seconda città più popolosa del paese dopo Kiev. Il sospetto era monitorato da qualche tempo ed è stato fermato dopo aver posizionato l’ordigno in un’ora di punta all’interno della metro Industrialna; è accusato non solo dell’organizzazione dell’attacco, ma anche di essere al soldo dei servizi segreti russi che lo avrebbero pagato 15.000 dollari per portare a termine l’operazione in previsione delle elezioni presidenziali ucraine. Gli avrebbero anche fornito il materiale esplosivo, detonabile attraverso una telefonata.

“L’SBU [i servizi di sicurezza ucraini] ha accertato che i servizi di sicurezza della Federazione Russa hanno reclutato un cittadino residente a Charkiv per l’organizzazione e realizzazione di un attacco terroristico in una stazione della metro. Secondo gli investigatori, l’esplosione avrebbe dovuto causare molte vittime e destabilizzare la situazione socio-politica nel paese prima delle elezioni presidenziali”, hanno fatto sapere dall’ufficio stampa dell’SBU.

Chi è Martina Napolitano

Dottoressa di ricerca in Slavistica presso l'Università di Udine, è direttrice editoriale di East Journal e scrive principalmente di Russia. È caporedattrice della sezione Europa Orientale.

Leggi anche

cibernetica

Quella cibernetica made in Urss che avrebbe cambiato il corso della storia

Nel secondo dopoguerra, nel contesto della Guerra fredda, l'Unione Sovietica abbracciò i sogni visionari di una squadra di matematici guidata da Viktor Gluškov a Kiev. Cosa sarebbe cambiato se "Cybertonia" si fosse allora davvero realizzata?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com