UNGHERIA: L’università fondata da Soros lascia il paese

La Central European University (CEU), istituzione di studi universitari fondata da George Soros negli anni Novanta, è in procinto di lasciare parzialmente l’Ungheria per aprire una nuova sede a Vienna. Gli studenti e i dottorandi in arrivo per il prossimo anno accademico saranno dirottati sulla capitale austriaca a meno che non si raggiunga un accordo che garantisca l’autonomia della CEU prima dell’inizio di dicembre.

Il comunicato

Il presidente e rettore dell’istituto Michael Ignatieff ha affermato: “abbiamo attuato tutte le misure necessarie per rispettare la Lex CEU”, facendo riferimento all’emendamento alla legge ungherese sull’educazione superiore approvato nel 2017. “Abbiamo ripetutamente indicato la nostra disponibilità a trovare una soluzione che garantisca la nostra integrità istituzionale e la nostra libertà accademica”.

Il rettore ha comunque voluto enfatizzare che la CEU non lascerà completamente l’Ungheria, ma che sposterà nel campus di Vienna solo i dottorati ed i master accreditati negli Stati Uniti e che solo nella peggiore delle ipotesi verrà venduto l’edificio di Budapest. Intanto, il personale non verrà ancora trasferito.

Il sindaco di Vienna e il cancelliere austriaco Kurz si sono espressi favorevolmente rispetto alla creazione di un campus della CEU. In risposta, Ignatieff ha ringraziato apertamente le autorità austriache in un comunicato ricco di menzioni per  tutti coloro che si sono impegnati per far si che l’università non lasciasse l’Ungheria.

Gli attriti con il governo

Il comunicato arriva dopo mesi di attacchi all’istituzione universitaria da parte del governo di Orbán: la CEU è accusata assieme al suo fondatore di essere un pericolo per l’Europa. In particolare, si parla di un “piano Soros” che cercherebbe di cancellare le identità nazionali e favorirebbe l’ingresso di immigrati in Europa.

Le iniziative volte a contrastare l’attività della CEU sono state molteplici, non ultima, la messa al bando degli studi di genere in Ungheria. Il provvedimento, approvato questa settimana, porterà al taglio dei fondi e all’accreditamento per i corsi universitari riguardanti questa tematica. La campagna anti-Soros del governo ungherese aveva già obbligato la Open Society Foundation a lasciare l’Ungheria nei primi mesi di quest’anno.

Foto: Times of Israel

Chi è Leonardo Scanavino

Laureato in "Scienze Internazionali, dello Sviluppo e della Cooperazione" presso l'Università degli Studi di Torino, attualmente frequenta una Magistrale in "Studi di Sicurezza Internazionale" presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. In precedenza, ha frequentato un semestre di studi (Erasmus) prasso la Latvijas Universitāte (Riga, Lettonia), durante il quale ha avuto modo di avvicinarsi alle tematiche di transizione riguardanti i paesi post-sovietici dell'Est Europa. Parla inglese, francese e studia russo.

Leggi anche

UNGHERIA: Il premier Orbán vuole che le famiglie facciano tre figli

Viktor Orbán torna a parlare dell'ambiziosa politica demografica magiara ma, dietro la retorica, i risultati sono deludenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: