LETTONIA: I cittadini licenziano i parlamentari

Cosa accadrebbe se in Italia i cittadini fossero chiamati alle urne per decidere dello scioglimento delle Camere e, quindi, di “mandare a casa” l’attuale governo? Mistero. Sappiamo che in Lettonia ad analoga richiesta il 95% della popolazione ha votato per lo scioglimento. Motivo? La corruzione politica sulle sponde del Baltico è fenomeno che nulla ha da invidiare alla nostra tangentopoli mediterranea ma dalle parti di Riga hanno un presidente della Repubblica che si chiama Valdis Zatlers e che ha dedicato tutto il suo mandato all’eradicamento della corruzione favorendo indagini a danno di ben quaranta parlamentari. Che non l’hanno presa bene. Quando è toccato a Ainars Slezers, leader del Partito per una Buona Lettonia (che nomi hanno questi partiti postmoderni!), il parlamento lettone si è schierato contro la revoca dell’immunità: quindi niente indagini. 

Zatlers, che non ha i poteri per sciogliere il Parlamento, si è allora rivolto ai cittadini con un referendum nel quale i lettoni hanno detto che un parlamento di corrotti proprio non lo vogliono, quindi si sciolga la Camera e si vada ad elezioni anticipate. Per questa manovra Zatlers si è giocato la rinomina a presidente della Repubblica, avvenuta nelle scorse settimane ad opera del Parlamento che gli ha preferito il banchiere ex-comunista (che ossimoro!) Andirs Benzirs. Dopo il voto referendario, però, nuove elezioni sembrano vicine e la Lettonia – preda delle crisi economica e di ferree misure di austerity – saprà scegliere candidati dalle mani pulite. Posto che ce ne siano. In caso contrario la spaccatura tra cittadini e classe politica non sarà facilmente sanabile.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

La Lettonia renderà pubblici gli archivi del KGB

Entro la fine del 2018, la Lettonia renderà pubblicamente accessibili online gli archivi del KGB, i servizi segreti sovietici. Una decisione storica che mette fine a oltre vent'anni di controversie, ma che forse rischia anche di generarne delle nuove.

Un commento

  1. Pingback: Anonimo

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: