UNIONE EUROPEA: Economia debole in politica debole

Il progetto Europa Futura, che la redazione di East Journal sta cercando di portare avanti a piccoli passi, nasce dall’intenzione di conoscere e far conoscere i limiti e le storture di un progetto comunitario che, però, non riteniamo debba essere abbandonato o rifiutato. Quello cui auspichiamo è la costruzione di una Europa unita anche sotto il profilo politico e non solo economico.

di Matteo Zola

L’Europa costruita sulla moneta unica sembra oggi essere fallita in primo luogo perché l’unità e la solidarietà tra Stati membri è costantemente venuta meno in questo periodo di crisi. Una crisi che, lo ripetiamo, non è solo economica ma è soprattutto morale, come testimonia il diffondersi di populismi, nazionalismi e particolarismi di ritorno. Questa Europa è giunta alla fine della sua parabola e una nuova deve risorgere, più rispettosa delle istanze locali (che i nazionalismi rappresentano) e più democratica, costruendo un’ingegneria costituzionale che riduca la distanza tra cittadini e istituzioni comunitarie.

L’attuale crisi, che da Lehman Brothers in poi fa traballare le nostre economie, è certo la crisi del modello capitalista neoliberista ma è anche un duro colpo a questa idea di Europa fondata – perdonate la semplificazione – sulla moneta unica. Un’Europa politica, forte e coesa, avrebbe saputo evitare gli effetti della crisi?

Quello che i mercati chiedono è un quadro politico stabile, in grado di sostenere strategie di lungo periodo, tenendo sotto controllo la finanza pubblica. E’ necessaria quindi una governance europea capace di gestire efficacemente i problemi. “Le istituzioni europee non sono state in grado, in un anno e mezzo, di gestire efficacemente un problema, quello della Grecia, il cui debito rappresenta solo il 3,6% del Pil della zona euro”. Commentano Angelo Baglioni e Roberto Cherubini su LaVoce.info: “Cosa succederebbe se l’Italia, il cui debito pubblico è pari a cinque volte quello greco, si trovasse in difficoltà nell’accedere ai mercati finanziari e dovesse rivolgersi ai partner europei per chiedere aiuto?”. La risposta è semplice: l’Italia dovrebbe rivolgersi a Sant’Arrangiati, come la Grecia, il Portogallo, l’Irlanda, sulla cui testa alcuni membri dell’Unione, negli anni scorsi, hanno giocato a dadi lasciando a Bruxelles, oggi, le patate bollenti da pelare. Altro esempio di come l’Unione Europea non sia affatto unita.

Dunque che fare? Ricette economiche a gogò, soluzioni tampone, sempre e ancora economiche. Ma quando vedremo un ministro delle finanze europeo? Quando una confederazione di Stati uniti politicamente? Questa Europa non somiglia per nulla a quella pensata dai padri fondatori, da Jean Monnet, da Robert Shuman, Konrad Adenauer e il nostro Altiero Spinelli. Ancora mi domando e chiedo: che fare? Ricominciare da Ventotene, da lì è partito il primo treno per l’Europa.

——-

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

UE: Le pagelle sullo stato di diritto mettono a nudo i paesi membri

Bruxelles ha stilato il primo rapporto sullo stato di diritto in ciascuno dei 27 paesi membri. L’analisi, basata su quattro pilastri (sistema giuridico, legislazione, il pluralismo mediatico ed equilibrio tra organi statali), rileva profonde fragilità nelle democrazie dell'Europa centrale e orientale.

2 commenti

  1. Il problema non è l’ “europa della moneta unica”. Il problema è che l’Europa è, economicamente, una costruzione incompleta. La moneta unica deve essere sostenuta da una politica economica, fiscale e del lavoro comune (fiscale!), e forse solo shock quali gli attuali possono mostrare ai governi più recalcitranti come questa sia l’unica strada.

    Monnet, Schuman, Adenaueur e Spinelli non immaginavano certo l’UE attuale. Ma credo ne sarebbero fieri: ciò che potevano immaginare era limitato dai confini della guerra fredda e della decolonizzazione. Forse l’Europa di oggi non le sfrutta appieno, ma ha potenzialità che erano inimmaginabili nel 1957.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com