ESTONIA: La festa pagana che celebra l’inizio dell’estate

di Lorenzo di Stasi e Jessica Valisa

Jaanipäev è la più importante festività dell’anno in Estonia. Le celebrazioni di origine pagana, fatte ancora oggi di riti e superstizioni, iniziano durante la notte del 23 giugno per continuare tutto il giorno successivo. Il 24 giugno ha assunto, come in tutti i paesi cristianizzati, il nome di festa di San Giovanni, Jaanipäev in estone.

Le terre baltiche furono tra le ultime in Europa a essere cristianizzate in seguito alle Crociate del Nord. L’opera di evangelizzazione fu difficile: le differenze di lingua e cultura fra preti di lingua tedesca e i contadini estoni ha contribuito al conservarsi di molte tradizioni fino a oggi.

Nel 1578 Barthasar Rüssow, nella sua celebre cronaca delle Guerre di Livonia, documentò come i contadini estoni non fossero per nulla inclini ad andare a messa nel giorno di Jaanipäev e di come preferissero rimanere fuori città a seguire i riti pagani. Inoltre, nel calendario contadino, questa festività segnava lo spartiacque tra la stagione di semina primaverile e quella di fienagione estiva.

Il rituale più diffuso è l’accensione di fuochi, che i più coraggiosi devono saltare. Questo rito serve a ‘purificare’ chiunque ne prende parte: assicura un buon raccolto, protezione contro gli spiriti malvagi e buona fortuna per il resto dell’anno. D’altra parte, come descritto dallo studioso finlandese Lauri Honko, non partecipare ai riti tradizionali può portare a catastrofi come un raccolto povero o la nascita di figli malati.

Il solstizio ha anche un significato romantico. Nel folklore estone questa è l’unica notte dell’anno in cui gli amanti Koit (alba) e Hämarik (tramonto) possono incontrarsi. Da qui derivano diverse credenze legate ai poteri magici della notte di Jaanipäev. I giovani amanti sono invitati ad andare nel bosco per cercare i ‘fiori della felce’ che secondo la tradizione sbocciano solo durante il solstizio. Trovare questo tipo di fiori garantisce salute, felicità e ricchezza per il resto della vita. Inoltre, per vedere il proprio futuro sposo in sogno si dovrebbero raccogliere sette tipi di fiori da sette giardini diversi e metterli sotto il cuscino prima di andare a dormire.

Lennart Meri, primo Presidente dell’Estonia post-sovietica, nel suo saggio ‘Hõbevalge’ postula un’interessante ipotesi sull’origine di Jaanipäev: la festa sarebbe una rievocazione collettiva della caduta del meteorite Kaali sull’isola estone di Saarema, avvenuta durante l’età del bronzo. Questo avvenimento avrebbe ispirato le mitologie baltiche e nord-europee che descrivono la caduta del sole sulla terra e il suo ricordo si sarebbe tramandato tramite l’accensione dei fuochi.

Dal 1992, dopo il ritorno all’indipendenza, Jaanipaev è ufficialmente festa nazionale. Quest’anno la notte di mezza estate cade di venerdì e c’è la possibilità di festeggiare un intero weekend. Questa sera si festeggia in tutto il paese. A Suure-Jaani, nella contea di Viljandi, c’è un festival dedicato alla memoria della famiglia di compositori Kapp. Musica classica ed estone si mischieranno per offrire uno spettacolo per tutti i gusti. Ci sarà anche un contest per cantautori e esposizioni di foto e quadri. Da non perdere il concerto alle tre del mattino nel parco nazionale di Soomaa.

All’Estonian Open Air Museum di Tallinn ci sarà il più grande evento con i falò, gonne colorate danzanti e giochi tradizionali. Per i più romantici ci sarà la possibilità di godere dell’atmosfera creata da Trio Romansid.

A Narva, Il Festival Medioevale sarà un’occasione per tornare nel passato: nel cortile del castello di Narva verranno riprodotte le scene del 1346 quando ci fu l’accordo tra il Re di Danimarca e l’Ordine Teutonico. Saranno inoltre organizzati dei tornei fra cavalieri e gare di tiro con l’arco. Le canzoni medioevali accompagneranno gli eventi per tutta la notte.

Photo: Estonianworld.com

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Lituania

Lituania e Russia: possibili scenari di conflitto?

Più lo stallo in Ucraina non si sblocca, più aumentano le preoccupazioni in Lituania circa l'apertura di un fronte baltico da parte di Mosca.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com