CINEMA: Vlakna, un altro successo per il thriller della Veninova

Il proprio riflesso allo specchio è spesso il primo contatto con l’altro che abbiamo ogni giorno, un’immagine bidimensionale che trasmette tutto il limite della percezione di noi stessi e conseguentemente del mondo intorno a noi.

Vlakna (2013), “capelli” in lingua macedone, è un cortometraggio scritto e diretto da Eleonora Veninova e prodotto da Partes Kamelija so slika_1920_1 Production. Con Vlakna, la regista ci porta nel mondo di Veli, interpretata da Irena Ristic, un’investigatrice impegnata in un caso di omicidio di una bambina. Nell’attesa dei risultati delle analisi su un campione di capelli, rinvenuti sul luogo del delitto, la protagonista si costruisce un quadro dei fatti accaduti, basandosi sulle proprie certezze che crolleranno non appena gli esiti arriveranno.

Ho preso spunto da dei fatti di cronaca austriaca e gli ho uniti al desiderio di voler scrivere una storia su una detective”, spiega la Veninova. “I capelli sono una parte importante del nostro aspetto, sono mutevoli, si possono tagliare, colorare, li accarezziamo, li pettiniamo. Ma cosa succede quando ne perdiamo uno, quando quello stesso capello coccolato finisce da qualche altra parte? Il disgusto prende il sopravvento. I capelli reali e tangibili, racchiudono il nostro DNA”, sono una carta d’identità genetica che perdiamo continuamente.

Veli i Herman_1920_1Veninova usa i capelli come metafora dei mostri che rinchiudiamo nel nostro io e reprimiamo. Ci guida attraverso una falsa percezione del reale portata dai nostri pregiudizi e preconcetti. Ci invita a togliere per un attimo i nostri occhiali, quelli con cui guardiamo il mondo .

Ci stiamo avvelenando da soli”, perché il nostro reale nemico non lo vogliamo vedere o forse, più semplicemente, non lo riconosciamo da quell’immagine bidimensionale falsata.

Vlakna verrà premiato a Vancouver l’8 e 9 aprile, in occasione del Canada International Film Festival, eletto dalla giuria come miglior cortometraggio thrillerNon è il primo premio che riceve: nel 2014 al WorldFest di Houston Texas si è aggiudicato il Gold Remi Award.

La Veninova, oltre ai numerosi progetti su cui sta lavorando, ha in programma di girare una serie televisiva basata su Vlakna, dove l’investigatrice Veli sarà la protagonista.

Chi è Mattia Marinolli

Da oltre dieci anni lavora nel campo della comunicazione e dei media, passando dalla radio, al giornale per poi arrivare nel 2009 alla fotografia professionale. Il suo interesse è rivolto soprattutto al fotogiornalismo e alla fotografia sociale.

Leggi anche

CINEMA: “Unsilenced Voices of Beslan”, la battaglia per la verità dei sopravvissuti

Sono passati quindici anni dall'attentato alla scuola Numero Uno di Beslan. Il documentario "Unsilenced Voices of Beslan" (2019) del regista Tomáš Polenský ripercorre la battaglia per ottenere gisutizia dei sopravvissuti, aprendo uno spaccato sul sistema di potere della Russia contemporanea.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: