I Muri d’Europa. L’ultimo numero di Most, rivista di politica internazionale

Most #10 titles3Most, quadrimestrale di politica internazionale
rivista digitale
n°10 – I Muri d’Europa
Quintadicopertina Editore
euro 4,99
pagine 120

Visiona l’anteprima

Acquista qui!  per tablet e ereader (ePub), kindle (mobipocket) e pc (pdf adattato)

In questo numero

Per questa edizione abbiamo deciso di rimanere in linea con il numero precedente continuando ad occuparci del tema delle migrazioni. Il tema dei muri d’Europa è stato trattato attraverso tre focus specifici: “Europa. Uomini, muri, filo spinato”; “la rotta balcanica”; e “Medio Oriente. Ovvero il punto di partenza”.

Queste tre tematiche sono infatti strettamente collegate tra loro e ci siamo quindi dedicati al caso specifico dei migranti che abbandonano i campi profughi del Medio Oriente, attraversando la cosiddetta “rotta balcanica”, alla ricerca del sogno europeo.

Tuttavia, la cronaca ha testimoniato circa la costruzione della recinzione al confine ungherese e delle colonne di profughi in marcia attraverso i paesi balcanici, penetrando quella che sembra sempre di più una “fortezza europea”, al netto delle promesse di quest’estate del governo tedesco di sospendere il regolamento di Dublino per coloro che scappano dalla guerra in Siria e cercano riparo in Germania.

Siamo dunque partiti dal nostro continente, l’Europa, e da quei muri fisici e virtuali entro i quali si sta rinchiudendo, per andare quindi a ritroso attraverso la rotta balcanica, e capire infine quali sono le cause che spingono così tanti profughi a lasciare le loro case in Siria, Iraq o Afganistan.

La nostra natura di “ponte” – Most significa appunto ponte in molte lingue slave – ci impone di offrire un supporto approfondito per andare oltre stereotipi e barriere concettuali, per capire meglio il fenomeno delle migrazioni, la loro contestualizzazione sociale, nonché per capire meglio noi europei.

Buona lettura!

Chi è Giorgio Fruscione

Classe 1987, politologo di formazione. E' un analista dell'ISPI esperto di Balcani, dove ha vissuto per anni lavorando come giornalista freelance. Per East Journal si occupa dell'area jugoslava. Parla correntemente serbo-croato, inglese e francese. Twitter: @Gio_Fruscione

Leggi anche

EDITORIALE: Chiudere Radio Radicale è diventata una questione ideologica

Una crociata inutile e dannosa, una scelta ideologica nascosta da ragioni di ordine economico, questo è ormai diventata la questione della (scellerata) chiusura di Radio Radicale. Un commento del nostro Direktor...