UCRAINA: Proteste contro gli emendamenti costituzionali, un morto e cento feriti per una granata

La Verkhovna Rada, il Parlamento ucraino, ha approvato, in prima lettura, gli emendamenti costituzionali proposti dal Presidente che mirano a decentralizzare il potere così come previsto, almeno questo l’intento di Kiev, secondo l’accordo di Minsk II del 12 febbraio scorso.

Serviva la maggioranza assoluta dell’Assemblea legislativa ucraina, ed i voti a favore sono stati 266 a fronte dei 226 minimi richiesti. Nei prossimi mesi si terrà la seconda lettura, e la situazione sarà maggiormente complessa dal momento che serviranno almeno 300 voti per l’ultima e definitiva approvazione. Numerose le critiche alla revisione costituzionale, soprattutto da parte dei partiti considerati più ai lati dello scenario politico ucraino: Pravy Sektor, Svoboda e Partito Radicale. Essi sostengono, appoggiati anche dalla leader del Partito Patria, Yulia Timoshenko, che gli emendamenti andrebbero troppo incontro ai separatisti mettendo a rischio l’unità nazionale e aprendo una via legale per la legittimazione e  concessione di autonomia forte ai ribelli del Donbass.

Mentre all’interno del Parlamento si svolgevano le votazioni un gruppo di circa mille manifestanti, molti dei quali a volto coperto, e con bandiere principalmente di Svoboda, hanno dapprima iniziato a urlare slogan nazionalisti e insulti contro i parlamentari a favore della revisione costituzionale, ed in seguito hanno iniziato a spingersi contro gli agenti in tenuta antisommossa i quali hanno usato lacrimogeni per tenerli a distanza. In questa situazione confusionaria (video) è stata lanciata una granata contro le forze dell’ordine che ha provocato, stando a quanto dichiarato dal sindaco di Kiev Vitaly Klitschko, almeno un morto e circa cento feriti, di cui alcuni in pericolo di vita.

La Polizia ha dichiarato che il colpevole è stato arrestato, ed insieme a lui altri trenta manifestanti che avrebbero partecipato agli scontri, mentre il Presidente Poroshenko, ha annunciato un discorso alla nazione sui fatti.

Chi è Pietro Rizzi

Dottorando in Relazioni Industriali presso l’Università degli Studi di Bergamo, collabora con l’OSCE/ODIHR come osservatore elettorale durante le missioni di monitoraggio in Est Europa. Redattore per East Journal, dove si occupa di Ucraina, Est Europa e Caucaso in generale. In passato è stato redattore ed art director del periodico LiberaMente, e si è a lungo occupato di politica come assistente parlamentare e consulente giuridico per comitati referendari. Ha risieduto, per lavoro e ricerca, a Kiev e Tbilisi.

Leggi anche

CRIMEA: L’appello dei tatari contro l’occupazione della penisola

In un incontro ad Ankara, 46 rappresentanti della comunità dei tatari di Crimea fanno appello alla comunità internazionale per porre fine all’occupazione russa della penisola.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: