UNGHERIA: Accoglienza profughi, “qui regna il caos.” Parla una volontaria di Migration Aid

La questione dei richiedenti asilo é diventata centrale in Ungheria, dove ogni giorno arrivano migliaia di profughi dal Medio Oriente. East Journal ha intervistato Zsuzsanna, volontaria di Migration Aid, l’associazione che a Budapest sta fornendo assistenza alle persone in transito.

Migration Aid é nata solo pochi mesi fa, il 29 giugno, rispondendo a una necessitá impellente: fornire soccorso e informazione ai migranti che arrivano in Ungheria, servizi di cui nessuno si occupava. Oggi conta un centinaio di volontari ed é presente nelle tre stazioni dei treni di Budapest dove stazionano centinaia di profughi.

Zsuzsanna di Migration Aid alla stazione Nyugati di Budapest. Foto: Daniel McLaughlin per The Irish Times
Zsuzsanna di Migration Aid alla stazione Nyugati di Budapest. Foto: Daniel McLaughlin per The Irish Times

Qual’é la situazione oggi (25 agosto) a Budapest? Quali servizi trovano i migranti e chi li fornisce?

Il flusso di migranti é continuo, ogni giorno arrivano circa 2.000 persone. La grande maggioranza dei profughi si fermano al massimo 8-10 giorni in Ungheria e poi, appena possono, cercano di partire. Arrivano principalmente da Siria, Iraq e Afganistan, la rotta che percorrono passa attraverso la Turchia e i Balcani.

Nei primi mesi i profughi erano principalmente giovani maschi che intraprendevano il viaggio da soli, ora arrivano sempre piú spesso famiglie, soprattutto genitori con figli, i nonni, i piú anziani, non intraprendono il viaggio.

A Budapest non ci sono strutture adeguate per fornire assistenza. Solamente tre settimane fa sono stati creati le “Zone di Transito”: spazi costruiti dal comune nel quale é possibile trovare bagni chimici e alcuni servizi di prima necessitá.

Il governo ungherese fornisce servizi o materiale per i profughi?

Fino ad oggi il governo ungherese non ha fornito niente. Le Zone di Transito sono state attrezzate dal comune di Budapest, per rispondere a una situazione igienica. Tutti gli altri servizi vengono forniti da volontari e dalle donazioni degli ungheresi che noi cerchiamo di raccogliere.

Le istituzioni internazionali come l’ONU, tramite l’UNHCR, o l’UE sono presenti o monitorano la situazione?

Personale dell’UNHCR é venuto solo una volta a vedere la situazione, dopo non si sono piú fatti vivi. Dall’UE non abbiamo visto nessuno.

A fornire assistenza ai profughi ci sono anche associazioni religiose o Chiese locali?

Gli unici che ci hanno dato una mano sono stati gli Hare Krishna che quando possono portano qualcosa da mangiare.

L’obiettivo dei migranti sono i paesi nordici, l’Ungheria é un paese di passaggio, ma nel caso vengano registrati qui la responsabilitá di gestione della pratica di rifugiato spetta all’Ungheria. I migranti ne sono consapevoli? Vengono comunque registrati?

Si, l’obiettivo dei migranti é arrivare in Austria o Germania. Il 90% peró si registra in Ungheria. I migranti non ricevono informazioni e quindi una volta arrivati in UE pensano di poter viaggiare liberamente all’interno dell’Unione. Una volta registrati peró se vengono fermati in altri paesi vengono rispediti in Ungheria. In quel caso l’Ungheria puó accettare la richiesta di asilo, o altrimenti riconoscendo che sono arrivati da paesi terzi entro 15 giorni puó rispedirli in Serbia da dove hanno oltrepassato il confine. In questo modo peró si crea uno scarica barile, un ping pong umano, di cui le prime vittime sono proprio i migranti.

[NdR: Il 21 agosto la Germania ha sospeso l’applicazione delle regole di Dublino per i profughi siriani, decidendo di farsi carico della valutazione delle loro richieste d’asilo anziché rinviarli al primo paese d’ingresso in UE. I profughi sarebbero quindi al sicuro, una volta raggiunto il territorio della Repubblica Federale]

La vostra associazione collabora con altre del genere in Ungheria o in altri paesi coinvolti dal flusso di migranti?

Per ora no. Siamo nati da poco tempo e cerchiamo di creare intanto una rete fra i diversi luoghi a Budapest. Ci sono altre associazioni in Ungheria che forniscono servizi, ad esempio l’associazione dei pediatri o l’associazione Cordelia che fornisce supporto psicologico, peró abbiamo poche risorse e personale, non riusciamo a gestire tutte le necessitá. All’estero per ora non abbiamo contatti.

Come stanno reagendo gli ungheresi all’arrivo dei migranti? Ci sono stati atti di solidarietá oppure ha vinto la paura e il distacco, incoraggiati anche dalla campagna del governo?

La societá ungherese é divisa. Ci sono molti che ci stanno aiutando, donano materiali e cibo di cui abbiamo bisogno. Simbolo di questa reattivitá é stata anche la nascita della nostra associazione, dal nulla, per rispondere a una esigenza reale. Purtroppo peró la maggioranza delle persone vive nella paura, paura che é stata rafforzata dalla campagna del governo. Questa parte di societá é stata istigata dalle varie campagne politiche, dai manifesti del governo o dalla costruzione della recinzione al confine. E’ piú facile creare un sentimento di paura fra le persone che di solidarietá. Purtroppo la campagna del governo ha raggiunto il suo obiettivo.

Cosa pensi della recinzione che il governo sta costruendo al confine con la Serbia?

Non penso che fermerá il flusso, lo scopo della recinzione a mio parere é soprattutto di propagandare la paura. Con tutti i soldi spesi per la costruzione si poteva organizzare un sistema di accoglienza piú efficiente. Invece oggi in Ungheria regna il caos, e non penso sia un caso. Proprio dal caos é facile che si sviluppi la paura.

Pensi che il flusso continuerá e aumenterá nei prossimi mesi? Quali sono le vostre previsioni?

La polizia ungherese ha detto di non riuscire a fare previsioni, quindi neanche noi possiamo prevedere quello che accadrá. Di certo siamo molto preoccupati perché fra 2-3 mesi inizierá il freddo e la situazione diventerá estremamente complicata.

Di quali materiali avete particolarmente bisogno e come é possibile effettuare donazioni?

Al momento abbiamo bisogno di biancheria intima e scarpe per bambini, ma soprattutto di volontari che vengano a dare una mano, anche solo per poche ore al giorno. E’ possibile contattare l’associazione tramite la pagina facebook Migration Aid o il nostro sito web.

Foto: Profughi alla stazione di Keleti, Budapest, 25 agosto 2015; by Migszol Csoport, twitter

Chi è Aron Coceancig

nato a Cormons-Krmin (GO) nel 1981. Nel 2014 ho conseguito all'Università di Modena e Reggio Emilia il Ph.D. in Storia dell'Europa orientale. In particolare mi interesso di minoranze e storia dell'Europa centrale. Collaboro con il Centro Studi Adria-Danubia e l'Istituto per gli incontri Culturali Mitteleuropei.

Leggi anche

Medaglia oro olimpiadi 1932

STORIA: Halassy, il nuotatore che sfidò un destino avverso

Alcune imprese sportive hanno il potere di coinvolgere gli spettatori più scettici. Imprese come quelle del pallanuotista e nuotatore ungherese Olivér Halassy, stella della nazionale magiara degli anni '30, che stupì il mondo con la sua tenacia e la sua forza di volontà.