L'Ucraina in piazza ci porta indietro di un secolo. Senza "social-media" si fa la rivoluzione?

Il seguente articolo non rappresenta il punto di vista della redazione ma è un’opinione che riteniamo utile al dibattito e all’approfondimento. 

Dopo tante rivoluzioni “social” finalmente una rivolta vecchia maniera. In Ucraina non è andato in scena Facebook o, meglio, il suo equivalente VKontakte, e i social-media non sono stati il mezzo con cui la piazza si è organizzata. Segno che ci si può ancora rivoltare senza applicazioni duepuntozero. Certo, gli ucraini avrebbero trovato più agevole mandarsi un tweet piuttosto che usare l’obsoleto telefono o – peggio – suonare il campanello di casa del vicino, ma il regime di Yanukovich ha agito off-screen finché ha potuto, bloccando per quanto possibile gli account vKontakte più critici. A schermi spenti sono stati anche i pestaggi notturni, i prelievi degli attivisti dagli ospedali, le intimidazioni e le minacce compiute dalla polizia di Yanukovich. In ogni caso, finché la lotta tra “palazzo” e “piazza” è stata condotta sottotraccia, a ben poco potevano servire i social-media: quali video pubblicare, quali immagini a testimoniare la brutalità del regime? Poi sono venuti i cecchini e le immagini hanno fatto il giro del mondo, anche con i social-media oscurati. 

La rivolta ucraina è una rivolta del Novecento: donne e anziani si sono messi a fare la catena umana per trasportare le pietre divelte dalla pavimentazione pubblica fino alla “trincea” di piazza Indipendenza. Ragazzini a fare la spola portando vettovaglie, sigarette e benzina per le bombe molotov. E sulla linea delle barricate rivoltosi e forze dell’ordine si fronteggiavano, faccia a faccia: niente Facebook, qui. Quando la rivolta si è fatta più dura, i cecchini si sono messi a sparare contro quelli nascosti dietro le barricate o che stavano nella terra di nessuno: professionali e terribilmente old-fashion, sparavano al cuore o alla testa. Un colpo solo.

La Maidan ucraina ci consegna una violenza che le nostre pigre coscienze credevano risolta per sempre dalla guerra dei tasti silenziosi, dalla disinformazione e propaganda della guerra dei media. Anche i giornali più faciloni, che bollarono le cosiddette “primavere arabe” come “rivoluzioni dei social-media”, hanno dovuto arrendersi di fronte alla sorprendente crudeltà dello scontro. Alcuni giornali hanno allora seguito le retoriche che volevano i dimostranti tutti europeisti, altri invece li hanno definiti neonazisti. Quello che ai giornali è sfuggita è la complessità sociale della rivolta, in quella piazza c’era tutto e il contrario di tutto. E i partiti che oggi formano il governo non rappresentano quella piazza: è stata la gente di Maidan a fare la “rivoluzione” e non i politici. Questi ultimi, anzi, sono stati sempre ignorati dai dimostranti che hanno continuato a usare la forza anche quando i partiti cercavano una soluzione pacifica (o di compromesso) con il presidente Yanukovich.

Oggi in Crimea sta andando in scena un copione simile: oscurate le reti televisive ucraine e bloccato vKontakte, il potere russo cerca di disarmare il dissenso. Sebastopoli non è Kiev, e l’opposizione al nuovo corso russofilo non è organizzata né sufficientemente forte. Solo le donne sono andate davanti al locale parlamento, in abiti tradizionali, cantando vecchie canzoni ucraine: un segno di dissenso evidente quanto inutile. Ma sotto la cenere cova, anche in Crimea, il fuoco della violenza.

La crisi ucraina ci riporta al Novecento anche per le retoriche e i simboli: definire “nazista” il governo di Kiev, così come la difesa della statua di Lenin o le bandiere sovietiche in Crimea, sono tentativi di polarizzare in modo ideologico le proteste. Mancando ideologie “duepuntozero” si ricorre a quelle vecchie che, ingenuamente, molti di noi credevano morte. E invece no: esiste ancora chi crede a cose come “l’impero del male”, “il sol dell’avvenire”, “la libertà dei popoli”, o che usa vecchie categorie per definire nuove realtà. Perché non dire semplicemente – se proprio lo si vuol fare – che il governo di Kiev è composto da nazionalisti o estremisti? Perché ricorrere a quella categoria di “nazisti”? Le parole sono importanti, diceva Moretti in un vecchio film. Usarle a caso significa togliere loro qualsiasi valore e capacità descrittiva. E dentro parole vuote si possono infilare concetti vaghi, pieghevoli, tascabili e buoni per ogni occasione. E questo al Cremlino come a Washington lo sanno bene.

E in questa Europa ostaggio del Novecento, e degli incubi che quel secolo porta con sé, davvero tutto è possibile. Non c’è “social media” che ci salverà. Anzi, l’ignoranza e la propaganda corrono veloci nel web. A guardare queste rivolte sembra che quando i social-media sono spenti, si accenda l’individuo con tutta la sua rabbia (giusta o sbagliata che sia). Con i social-media accesi le rivoluzioni si fanno in salotto: che grande strumento di controllo delle coscienze che sono! Se solo Putin l’avesse capito, quanti “mi piace” avrebbe raccolto.

 

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Siamo un paese antisemita?

La destra italiana ha votato contro l'istituzione di una Commissione parlamentare sull'antisemitismo. Perché? Un sondaggio ci aiuta a capire i sentimenti degli italiani verso gli ebrei. Siamo davvero un paese antisemita?

3 commenti

  1. Luca De Angelis

    L’estensore ha perfettamente centrato il clima che si e’ rrespirato a KIev e che si respira oggi nel resto del paese.

  2. Le piazze e i social media sono due cose che esistono. A volte non hanno relazioni, altre sì. Nel 2014 è impensabile pensare a una piazza senza una sponda, anche minima, del web. A una vertenza politica che non usi gli strumenti del web. Anche in Ucraina, benché sia giusto dire che questa è stata più di ogni altra cosa una rivolta di piazza e di strada (come del resto l’Egitto o la Tunisia: senza massa critica non c’è rivoluzione), il web è servito. Eccome. Anche in funzione contro-rivoluzionaria. #Euromaidan, il leak della Nuland, quello del ministro estone, i video dei Berkut che maltrattavano gli arrestati, quelli degli estremisti di Pravyi Sektor armati a dovere. Dove sono state diffuse inizialmente tutte queste cose?

  3. Anche se tutti gli ucraini avessero frequentato Oxford, sarebbe comunque difficile paragonare o analizzare il “loro” modo di fare a quello degli europei moderni. La mentalità slava non punta sulla lungimiranza, i fatti accadono subito e alle conseguenze ci si pensa dopo. Io, sinceramente, vorrei che un giorno anche in Ucraina ci fosse il bicameralismo e non il ghetto chiamato Rada – sono ci sono le teste calde da 20 anni..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: