La testimonianza di Sandra Kalniete da Kiev: “Nelle strade il dramma e un clima irreale”

L’eurodeputata lettone è giunta nella capitale ucraina per provare a riallacciare un dialogo fra le parti. L’ambasciata lettone intanto dà rifugio e cure ai manifestanti feriti e braccati. Un’altra giornata tragica, oltre 50 i morti.

L’eurodeputata lettone Sandra Kalniete, e il parlamentare Ojārs Ēriks Kalniņš sono arrivati stamani a Kiev, per rendersi conto personalmente della situazione e cercare di verificare le possibilità di mediazione e di risoluzione della drammatica crisi in Ucraina, che anche oggi dopo la ripresa degli scontri ha fatto registrare molte vittime e feriti.

La Kiev che hanno trovato è immersa in una situazione tragica e nello stesso tempo surreale, secondo le prime informazioni che Sandra Kalniete ha dato ai media lettoni.

La situazione qui cambia di ora in ora, dopo la tregua di ieri notte, stamani sono ripresi gli scontri e i disordini. Le vie della città sono piuttosto vuote e la situazione è triste e carica di tensione. Anche noi siamo stati avvertiti di fare attenzione e non possiamo andare troppo in giro per la città, in particolare non possiamo avvicinarci troppo all’epicentro degli scontri in Piazza della Repubblica”.

L’ambasciata lettone a Kieve è situata a circa 1 km. di distanza da piazza della Repubblica dove sono in corso gli scontri, e già nei giorni scorsi e soprattutto nelle ultime ore diversi dimostranti sono arrivati in ambasciata per trovare riparo e anche cure.

L’ambasciata lettone ha infatti ricevuto istruzioni, come altre ambasciate, di aprire le porte alle persone che hanno bisogno di soccorso o di riparo. Dal ministero degli esteri lettone è appena giunto anche l’ordine di chiudere i servizi consolari e lasciare due numeri di telefono per le urgenze, ma per il momento non è stata sospesa l’attività dell’ambasciata né viene progammata una sua evacuazione.

“Qui le persone vogliono incontrarci – prosegue Kalniete – e sono molto grati quando rappresentanti di altri paesi giungono a Kiev. Fanno molto affidamento sulle ambasciate straniere”.

La Kalniete ritiene che l’ambasciata lettone dovrebbe essere tenuta aperta anche in questa situazione di massima crisi: “Siamo stati già coraggiosi in altre situazioni passate, non abbiamo chiuso l’ambasciata in Georgia durante la guerra recente, e neanche quella di Tokio dopo il terremoto, quando gran parte delle altre ambasciate avevano evacuato le loro sedi. Quel gesto fu molto apprezzato dai giapponesi.”

La Kalniete, che è stata anche ministro degli esteri lettone, ha spiegato ai media il motivo del suo arrivo a Kiev: “Vogliamo testimoniare la nostra solidarietà e il nostro sostegno. Queste non sono solo parole vuote, poiché io ricordo bene nel 1991 i politici stranieri che giunsero in Lettonia, a darci il segno che non eravamo soli. Noi vogliamo invitare le parti al dialogo politico, poiché la violenza in questa situazione può condurre solo ad un vicolo cieco”.

Chi è Paolo Pantaleo

Giornalista e traduttore, Firenze-Riga. Jau rīt es aiziešu vārdos kā mežā iet mežabrāļi

Leggi anche

UCRAINA: Alle urne per le parlamentari anticipate

Forte dell'ampio consenso raccolto alle presidenziali, il neo-presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha indetto elezioni politiche anticipate per il prossimo 21 luglio. Il suo movimento, "Il servo del popolo", è dato in ampio vantaggio, ma l'esito elettorale non pare scontato

Un commento

  1. Povera Ucraina, quanti avvoltoi volteggiano sopra il suo cadavere..