SLOVENIA: Eletto il primo sindaco nero

Un medico del Ghana è stato eletto sindaco della città slovena di Pirano, diventando il primo primo cittadino nero di un Paese dell’est Europa. Peter Bossman, 54 anni, è stato eletto al secondo turno delle elezioni dopo aver battuto il rivale in carica del centro-destra. “La mia vittoria mostra un alto livello di democrazia in Slovenia”, ha detto Bossman che è emigrato nel Paese 33 anni fa per studiare medicina.

Bossman, dopo gli studi, ha deciso di stabilirsi nel paese, ha sposato una collega croata dalla quale ha avuto due figlie ed ha aperto uno studio medico. Esponente del partito socialdemocratico di Borut Pahor, ha avuto la meglio al ballottaggio, con il 51,4%, sul sindaco uscente di Pirano, Tomaz Gantar. Dopo il voto, l’uomo si è detto “felice e orgoglioso”. “Ho basato la mia campagna sul dialogo e il dialogo ha vinto” ha spiegato Bossman.

Secondo l’analista politico Vlado Miheljak, il voto di Pirano rappresenta un test per la Slovenia che dimostra di esser “sufficientemente matura da eleggere un rappresentante politico non bianco”. La questione razziale non è mai emersa nel corso della campagna elettorale, dove Bossman si è guadagnato il soprannome di Obama, primo presidente nero nella storia degli Usa, ma è stato criticato per non parlare bene sloveno. Per questo in un’intervista, Bossman ha scherzato dicendo di avere un’amica che insegna sloveno che “si è offerta di darmi lezioni”.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

A 100 anni dall’incendio fascista il Narodni Dom di Trieste restituito alla comunità slovena

Incendiato dai fascisti nel 1920 nella "notte dei cristalli" triestina, il Narodni Dom viene oggi ufficialmente restituito alla comunità slovena della città. L'incendio diede il via alle violenze fasciste e all'ascesa al potere di Mussolini. La sua restituzione, a un secolo di distanza, segna un importante traguardo nel riconoscimento dei diritti e delle persecuzioni ai danni della comunità slovena nell'area giuliana.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com