UNGHERIA: L'ira del Parlamento europeo: “Rispetti i valori europei o avvieremo sanzioni”

(EUnews) L’Ungheria rimedi rapidamente alle violazioni dei valori europei o i deputati chiederanno al Parlamento di avviare il percorso per determinare se esiste un rischio di “violazione grave”, percorso che può portare fino alla sospensione di alcuni diritti dello Stato membro, compreso quello di voto nel Consiglio europeo. Dopo le dure condanne già arrivate dall’Europa sulle drastiche modifiche alla Costituzione ungherese stabilite unilateralmente dal premier Viktor Orban, un nuovo avvertimento arriva oggi dall’aula di Bruxelles.

La commissione Libertà civili del Parlamento ha approvato (con 31 voti favorevoli, 19 contrari e 8 astensioni) un rapporto che chiede alle autorità ungheresi di ritirare le disposizioni già dichiarate incostituzionali dalla Corte Costituzionale. Gli eurodeputati chiedono anche che sia ridotto il ricorso a “leggi cardinali” (che richiedono per essere approvate la maggioranza dei due terzi), in modo che materie come la famiglia, il diritto sociale, la fiscalità e il bilancio, restino di competenza della legislazione ordinaria. E ancora, la commissione libertà civili ricorda che devono essere messe in atto le raccomandazioni della commissione di Venezia (organo consultivo del Consiglio d’Europa sulle questioni costituzionali), e che deve essere garantita la più ampia partecipazione possibile nel processo costituzionale e l’indipendenza del sistema giudiziario.

L’Unione, ricorda il rapporto, è fondata sui valori enunciati nell’articolo 2 del trattato dell’Ue: rispetto della dignità umana, libertà, democrazia, uguaglianza, stato di diritto e rispetto dei diritti dell’uomo, compresi quelli delle minoranze. Valori messi in questo momento seriamente in discussione in Ungheria. “Sono valori lodevoli sulla carta ma che devono essere applicati anche nella pratica” ricorda il relatore Rui Tavares (Verdi): “Oggi la Commissione [libertà civili] – aggiunge – ha affermato che i cambiamenti costituzionali in Ungheria sono sistematici e che la tendenza generale di queste modifiche è incompatibile con l’articolo 2 del trattato dell’UE”.

Per questo, in caso non arrivino risposte dalle autorità ungheresi, i deputati chiedono alla Conferenza dei Presidenti del Parlamento di esaminare la possibilità di avviare il ricorso ai meccanismi previsti dal trattato in caso di violazioni, in particolare all’articolo 7. Questo percorso permetterebbe al Consiglio di determinare se esiste “un rischio reale di violazioni gravi ai valori europei”. Il rapporto sarà messo ai voti nella sessione plenaria del Parlamento di luglio.

Foto: Europa Pont, Flickr

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

pandemia

UNGHERIA: La pandemia si abbatte anche sul paese di Orbán

Nei primi mesi del 2020, mentre la pandemia di Covid-19 dilagava nei paesi dell’Europa occidentale, la parte centro-orientale del continente si trovava in una posizione invidiabile. Ma la situazione sembra essersi ribaltata...

3 commenti

  1. Forse ci si doveva pensare qualche anno fa, e comunque i cittadini ungheresi hanno avuto tutti la possibilità di andare a libere elezioni e l’hanno votato: come tanti dittatori, anche Orban è salito al potere con la maggioranza dei consensi o perlomeno con una minoranza di dissensi, quindi in modo democratico. Le sanzioni serviranno soltanto a peggiorare le condizioni della popolazione ungherese e quindi a rafforzare sempre di più la retorica nazionalista di Orban. Inoltre un Paese impoverito è ottima fonte di emigrazione e manodopera a basso costo per le imprese estere, alle quali Orban strizza costantemente l’occhio.

  2. Ma perché l’Ungheria non coglie la palla al balzo e molla l’UE ?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com