RUSSIA: Niente aiuto da Mosca ai conti corrente "vittime" di Cipro

Il governo russo non aiuterà le imprese o i cittadini che hanno perso soldi a Cipro. Lo ha affermato il vice primo ministro Igor Shuvalov sottolineando che l’esecutivo ha intenzione di porre in essere un giro di vite contro chi porta all’estero i capitali.

Molti possessori di conti correnti, un gran numero dei quali proprio russi, perderanno circa il 60% dei loro depositi sopra i 100.000 euro dopo l’accordo con Ue e Fmi per il salvataggio. “Il fatto che “i russi perderanno i loro soldi è una vergogna terribile, ma il governo russo non farà nulla”, ha detto Shuvalov. “Se c’è una concreta situazione, noi siamo disponibili ad esaminarla, pubblicamente e in modo trasparente qua in Russia, ma per fare questo non e’ necessario assistere Cipro”, ha aggiunto. Il governo di Mosca ritiene che una grande fetta dei 19 miliardi di euro – non europei e non delle banche – detenuti negli istituti ciprioti – siano russi mentre dei 38 miliardi di depositi, 13 miliardi sono di provenienza extra Ue.

Ma ci sono anche profittatori e i sotterfugi. Il Parlamento di Cipro aprirà un’inchiesta sulle accuse rivolte ai tre istituti al centro della crisi bancaria, rei di avere condonato i prestiti milionari concessi ad alcuni politici e imprenditori dell’isola. Secondo il quotidiano greco “Kathimerini”, la Bank of Cyprus, la Laiki (“Popolare”) e la Hellenic Bank, ristrutturate in base al piano di salvataggio internazionale, avrebbero condonato i prestiti, per milioni di euro, concessi negli ultimi cinque anni a esponenti politici, funzionari pubblici e aziende private.

La Commissione parlamentare di inchiesta, guidata da tre ex giudici della Corte suprema, cercherà anche di appurare se ingenti somme di denaro siano state trasferite all’estero prima e dopo il rifiuto da parte del Parlamento di effettuare un prelievo forzoso su tutti i depositi bancari.

Chi è Giovanni Bensi

Nato a Piacenza nel 1938, giornalista, ha studiato lingua e letteratura russa all'Università "Ca' Foscari" di Venezia e all'Università "Lomonosov" di Mosca. Dal 1964 è redattore del quotidiano "L'Italia" e collaboratore di diverse pubblicazioni. Dal 1972 è redattore e poi commentatore capo della redazione in lingua russa della radio americana "Radio Free Europe/Radio Liberty" prima a Monaco di Baviera e poi a Praga. Dal 1991 è corrispondente per la Russia e la CSI del quotidiano "Avvenire" di Milano. Collabora con il quotidiano russo "Nezavisimaja gazeta”. Autore di: "Le religioni dell’Azerbaigian”, "Allah contro Gorbaciov”, "L’Afghanistan in lotta”, "La Cecenia e la polveriera del Caucaso”. E' un esperto di questioni religiose, soprattutto dell'Islam nei territori dell'ex URSS.

Leggi anche

Petrolio

RUSSIA: Il ministro per l’energia Novak risponde agli attacchi al petrolio saudita

Nonostante il forte impatto dell'attacco ad Abqaib sulla produzione mondiale di petrolio, Alexander Novak ha dichiarato che resterà in vigore l'accordo preso ad Abu Dhabi per limitare l'output.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: