RUSSIA: La salma di Lenin come le reliquie dei santi, parola di Putin

E Lenin assurge a santità. Nella Russia di Putin, dove il potere autoritario si maschera di democrazia, i simboli si mescolano in un’unica orgia e convivono, nel pantheon del putinismo, lo zar e Stalin, il manto di Bisanzio e i soviet. Tutto fa brodo se si deve legittimare il potere, e i simboli della passata grandezza imperiale e monocratica, si tratti dell’impero dei Romanov o di quello sovietico, servono a persuadere i russi che al comando ne serve, e ne basta, uno solo: Vladimir Vladimorovic Putin.

La fabbrica del consenso di Putin si avvale di questo sincretismo imperiale, e non a caso l’inquilino del Cremlino si è recentemente detto contrario alla rimozione del mausoleo di Lenin dalla Piazza Rossa a Mosca. Putin ha affermato che ”molti dicono che il mausoleo è contro le tradizioni. Ma anche al monastero di Kiev in Ucraina, o al monastero di Pskov in Russia o sul Monte Athos in Grecia ci sono reliquie di santi”. Il paragone fra i santi e Lenin ha fatto andare su tutte le furie il clero ortodosso. Ma non stupisce, a uscirne consacrata è anzi la Russia, la Russia eterna, con buona pace delle vittime del comunismo.

A Putin, insomma, Lenin e Stalin stanno simpatici, specie se servono da specchio al suo potere. Non a caso, quando ancora era presidente, Dimitri Medvedev rilasciò dichiarazioni di segno opposto: “Per parlare senza equivoci, il regime sovietico non può che essere considerato altrimenti che totalitario”, dichiarò in occasione del sessantacinquesimo anniversario della vittoria nella Seconda guerra mondiale. “La vittoria non è stata di Stalin, ma del popolo. I crimini commessi da Stalin contro il suo popolo sono imperdonabili. Mai più in Russia si dovrà assistere a un simile regime”.

Certo paragonare Putin a Stalin è fuori luogo, ma un regime monocratico in Russia c’è ancora. E Medvedev, che ha visto frustrate le sue ambizioni di successione al Cremlino, questo lo sa bene.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Petrolio

RUSSIA: Il ministro per l’energia Novak risponde agli attacchi al petrolio saudita

Nonostante il forte impatto dell'attacco ad Abqaib sulla produzione mondiale di petrolio, Alexander Novak ha dichiarato che resterà in vigore l'accordo preso ad Abu Dhabi per limitare l'output.

6 commenti

  1. Non è Putin che ama Stalin, sono i russi che lo amano. Medvedev, politico di formazione liberale, questo non riesce proprio a capirlo. Putin invece è un populista e sa parlare alla pancia della Russia, per questo due terzi dei suoi concittadini lo sostengono. I Russi per storia e mentalità sono estranei al capitalismo liberale, il socialismo è stato il sistema che più si confaceva alla Russia.

    • Totalmente d’accordo con te. Non vedo cosa ci sia di strano nelle sue dichiarazioni,Lenin è stato un gigante della storia,del socialismo e dalla lotta per la giustizia e l’uguaglianza

      • … di strano c’è che la dichiarazione è fatta da un campione della diseguaglianza, dell’ingiustizia e da un nano della storia

        • Sul “nano della storia” mi dispiace per te ma Putin ha già fatto la storia del suo paese e sta iniziando a fare anche quella dell’Europa. Può piacere o meno, ma non si può negare che sia l’unico vero statista sulla scena mondiale. La disuguaglianza e l’ingiustizia in Russia sono state importate dall’occidente negli anni novanta del “democratico” Eltsin e dei ladroni che lo circondavano (Khodorkovski in testa). Con Putin la situazione è migliorata alla grande, e te lo dice uno che la Russia la frequenta da 20 anni.

  2. Navigando qua e la ho notato una tendenza molto particolare, in occidente ogni articolo riguardante la Russia, il suo passato comunista o l’attuale presidenza è sempre condito da feroci critiche, spesso fortemente russofobiche o anticomuniste .. eppure assai spesso nei commenti a questi articoli le personi comuni ne prendono le difese … ora la domanda sorge spontanea: come mai tutti i quotidiani, i blog e tutte le altre fonti d’informazione occidentali sono ferocemente anti russe quando invece una gran parte delle persone che li leggono non lo sono ?

    Si parla tanto di libera stampa in occidente, eppure questa non sembra affatto riflettere l’opinione generale della popolazione … strana democrazia quella occidentale ..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: