SLOVACCHIA: Fico non ce l'ha fatta. Il mandato va alla Radicova

Niente da fare per Fico, il premier uscente ha rimesso il suo mandato al Presidente della Repubblica Ivan Gasparovic non essendo riuscito a comporre una nuova maggioranza di governo. Fico aveva ricevuto mandato esplorativo il 14 giugno scorso quando, all’indomani delle elezioni, lo spoglio delle schede attribuì al suo partito la maggioranza relativa dei voti. I quattro i partiti di centrodestra (SDKU-DS, Libertà e Solidarietà SaS, Movimento Cristiano Democratico KDH e Most-Hid) hanno però rifiutato ogni ipotesi di cooperazione politica con Fico.

Il presidente Gasparovic ha dunque dato mandato di formare un nuovo governo a Iveta Radicova, la capolista di SDKU-DS. La Radicova ha tempo fino all’otto luglio per formare il nuovo esecutivo. L’impresa non appare delle più semplici. La Radicova infatti è capolista di SDKU-DS ma non è la numero uno del partito: Mikulas Dzurinda è il grande capo.

Dzurinda infatti è presidente di SDKU-DS, e bisognerà vedere quanto spazio lascerà alla Radicova che potrebbe ritrovarsi premier senza poteri effettivi. Tenere la Radicova fuori dalla stanza dei bottoni facendone un  semplice esecutore di ordini, un ruolo burocratico per quanto prestigioso. Questa è l’ipotesi avanzata dall’analista politico Michal Horsky, ma le variabili sono molte e l’esito tutt’altro che scontato.

Fonte: La Voce della Slovacchia

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

SLOVACCHIA: Cronache di una pessima campagna elettorale

Le elezioni parlamentari del 29 febbraio potrebbero rappresentare una svolta storica per la Slovacchia, con la grande occasione per i partiti di opposizione di sconfiggere i socialdemocratici dell'ex premier Robert Fico, da 8 anni alla guida del paese. A Bratislava la campagna elettorale però non è esaltante e il dibattito pubblico sembra già proiettato verso i possibili scenari post-voto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: